menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Manifestazioni a Roma dei ristoratori: "No alla violenza, ma vogliamo riaprire"

Presa di distanza dalla violenza da parte di Confcommercio Pisa rispetto i disordini di questi giorni

"Prendiamo le distanze dalle azioni violente ma il problema della sopravvivenza delle nostre attività resta intatto e ce lo portiamo dietro da ben 15 mesi". Daniela Petraglia, storica ristoratrice pisana, presidente di ConRistoranti Confcommercio, stigmatizza gli episodi di violenza ai danni delle forze dell'ordine nella manifestazione di Roma: "Il ricorso alla violenza è sempre sbagliato e su questo non si discute. Ma è inutile negare che, dopo tanti mesi di quasi totale inattività, di impedimenti, di chiusure, il malcontento cresce necessariamente. Stanchezza, sconforto, incertezza, paura sono i sentimenti predominanti in tutti noi che ci vediamo cancellare il frutto di anni e anni di lavoro, risparmi, sacrifici e persino la dignità. In queste condizioni, basta una minima scintilla per scatenare disordini e caos, non escluso la presenza di infiltrati per creare scompiglio e strumentalizzare la protesta".

"Siamo lavoratori onesti e perbene, e non siamo avvezzi alle manifestazioni che generano disagi e disordini - aggiunge la presidente dei ristoratori - il messaggio di tutti noi e di chi manifesta pacificamente è quello di riaprire, in condizioni di sicurezza e nel rispetto dei protocolli validati dal comitato degli esperti. Non possiamo in alcun modo continuare a restare chiusi, siamo già ad aprile e rischiamo di perdere un'altra stagione. Eppure, non solo non esistono evidenze scientifiche sul fatto che locali e ristoranti siano luoghi di propagazione del virus, ma alla prova dei fatti hanno garantito sicurezza e distanziamento sociale. Abbiamo la piena responsabilità dei nostri clienti, la salute e la sicurezza sono al centro del nostro lavoro, perché lo scopo del nostro impegno è proprio quello di far star bene le persone, valorizzando convivialità e benessere".

"Dopo oltre un anno, agli annunci non sono corrisposti i fatti, ai decreti che impediscono ogni fonte di entrata non abbiamo visto altrettanti decreti che bloccano ogni fonte di uscita - aggiunge e conclude il direttore di Confcommercio Federico Pieragnoli - cosi facendo, per legge le imprese sono destinate inevitabilmente a morire, e questo non lo possiamo più accettare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Caparezza, due tappe in Toscana nel tour 2022: tutte le date

Cura della persona

Manicure semipermanente fai da te, trucchi e consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento