menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maria Chiara Carrozza è la nuova presidente del Cnr

E' la prima donna nella storia del Consiglio Nazionale delle Ricerche. La nomina è stata firmata lunedì dal ministro Maria Cristina Messa 

Il ministro dell'Università e della Ricerca Maria Cristina Messa ha nominato, con il decreto firmato oggi 12 aprile 2021, Maria Chiara Carrozza presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Rimarrà in carica per quattro anni. "Voglio augurare buon lavoro al neo presidente e ringrazio il presidente Massimo Inguscio per il grande lavoro svolto in questi anni - ha detto la ministra Messa - con questa nomina il Cnr torna a essere nel pieno delle sue funzioni organizzative e gestionali, oltre che scientifiche. Il ruolo che questo ente sarà chiamato a svolgere nei prossimi anni sarà strategico per la crescita di tutto il Paese e per la competitività internazionale".

Laurea in Fisica all'università degli studi di Pisa, dottorato in ingegneria alla Scuola Superiore Sant'Anna, Maria Chiara Carrozza, 56 anni, è professore ordinario di Bioingegneria Industriale. Dirige e conduce ricerche nei settori della biorobotica, della biomeccatronica, della neuro-ingegneria della riabilitazione, di cui è uno dei principali esponenti. Ha ricoperto incarichi scientifici e gestionali di livello nazionale e internazionale. E' stata ministro dell'Istruzione, parlamentare della Repubblica, componente del Consiglio di Amministrazione di Piaggio SpA. E' direttore scientifico dell'IRCSS Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus.

"Sono felice ed emozionata per la nomina a presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Ringrazio la ministra Messa e il Comitato di Selezione per la fiducia riposta nella mia persona - ha commentato - essere la prima donna alla guida del più importante e grande centro di ricerca del Paese è una sfida e una responsabilità senza precedenti. Ma anche un cambio di passo e di prospettiva. Confido sull'aiuto e sulla collaborazione di tutte le ricercatrici e ricercatori dell'Ente, sulle loro preziose indiscusse competenze e sul loro entusiasmo. Insieme dobbiamo riportare al centro dell'attenzione sociale, economica e politica la ricerca unico volano per la ricostruzione del Paese e il futuro dei giovani".

Gli auguri delle istituzioni

Sabina Nuti, rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna: "Sono particolarmente felice per la nomina di Maria Chiara Carrozza come nuova presidente del Cnr. Con questa scelta compiuta dalla ministra Cristina Messa si sottolinea il ruolo della ricerca scientifica e delle donne per il futuro del nostro Paese. Maria Chiara Carrozza, già rettrice della Scuola Superiore Sant'Anna e nostra docente di bioingegneria, ha tutte le competenze necessarie e la passione per dare un nuovo impulso alla ricerca scientifica del nostro paese e per guidare il più grande e importante ente di ricerca pubblico italiano. Mai come in questo momento la ricerca scientifica deve tornare ad assumere un ruolo centrale quale asset fondamentale su cui investire per superare la fase di emergenza che l’Italia e il mondo vivono da oltre anno".

Antonello Provenzale, presidente dell'Area della Ricerca del Cnr di Pisa: "Benvenuta e bentornata. Sono estremamente contento della nomina, una notizia molto positiva in un momento non facile. Un incarico complesso e impegnativo e sono sicuro che la prof.ssa Carrozza lo affronterà in modo efficace anche grazie alla sua conoscenza del sistema della ricerca. La nostra soddisfazione è anche dovuta al fatto che, per la prima volta, sia una donna di così alto profilo e spessore scientifico alla guida del Cnr cosa che ricalca lo spirito di uguaglianza e libertà nella scienza del fondatore del Cnr, Vito Volterra. Quindi alla presidente Carrozza si dà non solo il benvenuto ma anche il bentornata viste le numerosissime visite e frequentazioni fatte all'Area pisana sia come ricercatrice, docente e come ex ministro. Carrozza alla guida del CNR e la prof.ssa Maria Cristina Messa alla guida del MUR, sono una speranza per il rinnovamento della ricerca italiana".

Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani: "La nomina di Maria Chiara Carrozza alla guida del CNR è una bellissima notizia per la Toscana. Aver chiamato una scienziata del suo calibro al vertice del più importante ente di ricerca nazionale che, per la prima volta, viene affidata ad una donna, è decisamente un riconoscimento di cui andare fieri. Auguro un buon lavoro alla neo presidente del Cnr. Il difficile periodo che stiamo attraversando dimostra quanto sia vitale puntare sempre di più sullo sviluppo della ricerca scientifica, un settore cui anche la Regione guarda da sempre con attenzione e al quale, con gli strumenti di cui dispone, non farà mai mancare il suo sostegno".

Alessandra Nardini, assessore regionale a università e ricerca: "E' una notizia che mi riempie di gioia e di orgoglio. Alla guida del principale centro nazionale di ricerca - prosegue - va per la prima volta una scienziata, un'accademica di indiscusso prestigio. E' una grande novità per un mondo tanto importante, soprattutto in questo momento, per il nostro paese, ma anche per le donne italiane: questa incarico sono certa che favorirà un cambio di passo nella piena valorizzazione dei molti talenti femminili che sono presenti in ogni campo, a partire proprio da quello scientifico e accademico".

Antonio Mazzeo, presidente del Consiglio Regionale: "La sua nomina è davvero un orgoglio per tutta la Toscana! Il Covid ci ha dimostrato quanto sia fondamentale la ricerca scientifica per il futuro del Paese e sono sicuro che Maria Chiara Carrozza sarà all'altezza delle sfide che ci attendono!".

Il presidente del Consiglio Comunale di Pisa Alessandro Gennai: "Sono certo che la professoressa Carrozza riuscirà a vincere questa sfida così importante. L’augurio più sentito di buon lavoro".

Patrizia Alma Pacini, presidente dell’Unione Industriale Pisana: "La nomina di Maria Chiara Carrozza, scelta dal ministro Maria Cristina Messa alla guida del Cnr, porta con sé diverse ragioni di orgoglio per il territorio pisano ma anche di forte speranza. A lei auguriamo buon lavoro. Il fatto che una donna, scienziata, che si è formata a Pisa raggiunga i vertici di un istituto di ricerca come il Cnr attesta come ancora una volta la nostra città prosegua nella sua tradizione di formare personalità illustri per il nostro Paese e per le sue eccellenze, valorizzando merito e talento".

Il consigliere regionale Andrea Pieroni: "La nomina di Maria Chiara Carrozza a presidente del Cnr è una bella notizia. Essa rappresenta il riconoscimento delle grandi qualità di una donna di scienza, la prima a ricoprire un incarico del genere, che conta numerose e prestigiose esperienze da dirigente nel campo, oltre ad essere stata un'ottima ministra dell'Istruzione e della Ricerca, seppur per un breve periodo. Con Maria Chiara Carrozza al vertice del Cnr le risorse che anche dal Recovery Fund arriveranno alla ricerca italiana saranno sicuramente in buone mani".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Riaperto il Museo della Geotermia di Larderello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento