Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca Piazza dei Cavalieri

Martirio di Santo Stefano: i segreti dell'opera del Vasari in un click

Un'applicazione multimediale, ideata dall'associazione "Mnemosine", permetterà di svelare i dettagli dell'unica opera pittorica dell'artista aretino custodita a Pisa

L’unico dipinto di Giorgio Vasari custodito a Pisa, il Martirio di Santo Stefano, conservato nell’omonima chiesa in Piazza dei Cavalieri, non ha più segreti: un’applicazione multimediale, realizzata dall’Associazione “Mnemosine Cultura Digitale”, con la supervisione scientifica del Laboratorio Percro dell’Istituto TeCIP (Tecnologie della Comunicazione, dell’Informazione, della Percezione) della Scuola Superiore Sant'Anna, permette adesso di conoscerne la sua genesi, il suo stato di conservazione, i dettagli sui restauri che hanno permesso di salvare l’opera. Per conoscere passato, presente e futuro di questa preziosa opera basterà un click. L’applicazione è già accessibile al pubblico durante l’orario di apertura della chiesa, ogni mercoledì e ogni sabato, dalle ore 10.00 alle ore 12.00.

In occasione dei lavori di restauro del dipinto su tavola, di cui è stato autore Giorgio Vasari tra il 1569 ed il 1571, su commissione di Cosimo I de’ Medici, è stata infatti ideata un’applicazione multimediale per raccontare la genesi, l’iconografia e lo stato di conservazione della celebre opera, resa ancora più preziosa dall’essere l’unica testimonianza pittorica che Pisa conserva dell’illustre artista aretino. L’intervento di restauro ed anche l’applicazione sono stati resi possibili grazie al contributo di Esselunga. Il progetto è stato curato per gli aspetti storico-artistici dalla Soprintendenza dei Beni Architettonici, Artistici e Storici di Pisa.

La postazione multimediale consente di approfondire appunto, attraverso un’agile consultazione, diverse aree tematiche: la storia dell’opera, la sua iconografia e la tecnica costruttiva del supporto ligneo; i restauri (dal primo noto ascrivibile al 1820, a quello del 1945 fino al restauro del 1968) e lo stato di conservazione attuale. È presente anche una sezione, “Oltre il visibile”, dedicata alle indagini diagnostiche effettuate sull’opera. Inoltre, vengono illustrati alcuni temi riguardanti il rapporto tra Vasari e la città di Pisa: dalla trasformazione della Piazza dei Cavalieri di Santo Stefano, agli edifici “vasariani”, fino alla storia della chiesa dei Cavalieri di Santo Stefano. L’applicazione è tuttora in fase di sviluppo ma diventerà sempre più ricca e completa: i contenuti sono arricchiti in relazione al prosieguo delle fasi del restauro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Martirio di Santo Stefano: i segreti dell'opera del Vasari in un click

PisaToday è in caricamento