Mascherine, dalla Regione ai Comuni non capoluogo: "Saranno gestite dai sindaci"

Il presidente della Toscana Eugenio Giani ha annunciato il cambiamento nell'organizzazione della diffusione dei presidi

Dodici milioni di dispositivi per la protezione individuale dei cittadini, frutto di una fornitura delle scorse settimane, sono stati trasmessi ai sindaci dei Comuni non capoluogo della regione e saranno gli stessi primi cittadini a decidere come distribuire le mascherine. Lo ha annunciato il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, che ha deciso di cambiare il sistema di distribuzione dei dispositivi di sicurezza: "In passato - ha commentato - erano utilizzati centri commerciali e farmacie; ora decideranno i sindaci, mi fido di loro".

La distribuzione delle mascherine ha avuto varie modalità nei mesi passati, dalle farmacie fino alle edicole, con nel tempo qualche malumore espresso dagli esercenti e disagi nei tempi di consegna ai richiedenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento