Calci, il sindaco Ghimenti in visita ai cimiteri in rappresentanza della comunità

Il primo cittadino ha deposto nei sette cimiteri del Comune una coccarda con la scritta 'Comune di Calci'. "Fino al 3 maggio resteranno chiusi"

Nella mattinata di sabato 18 aprile il sindaco Massimiliano Ghimenti ha portato un mazzo di fiori nei sette cimiteri di Calci, chiusi a causa dell'emergenza legata al coronavirus. Con lui anche il parroco Antonio Cecconi, che ha rivolto una preghiera a nome della comunità per tutti i defunti. In base all'avanzamento della fase 2 e alle disposizioni governative che saranno prese dopo il 3 Maggio, l'amministrazione valuterà come poter procedere per eventuali riaperture che saranno comunicate attraverso i canali di comunicazione del Comune.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tra le tante sofferenze di questo delicato periodo c'è, purtroppo, anche l'impossibilità di recarsi al cimitero per rivolgere una preghiera e prendersi cura dei nostri cari defunti - commenta Massimiliano Ghimenti - anche per questo, stamattina, approfittando di un giro per verificare lo stato di manutenzione dei cimiteri, ho deciso di portare, come rappresentante della comunità, un mazzo di fiori con la coccarda tricolore e la scritta 'Comune di Calci' per rappresentare la vicinanza e l'abbraccio di tutti i cittadini ai loro cari". Il sindaco di Calci prosegue ringraziando don Antonio Cecconi per aver rivolto in ciascuno dei cimiteri una preghiera ed una benedizione per tutti i defunti, "aggiungendo  un pensiero particolare per coloro che hanno perso la vita in questi mesi e, a causa delle regole di prevenzione e contenimento della diffusione del coronavirus, non hanno potuto ricevere neppure una messa". "Sono consapevole - conclude Ghimenti - che questo gesto non può lenire la sofferenza dei nostri cittadini nel non poter accedere ai cimiteri, ma ho sentito il dovere di farlo perché, per il momento, è necessario tenerli ancora chiusi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Coronavirus in Toscana, 90 casi in più: a Pisa 24 nuovi positivi

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento