Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Meningite, ancora un caso: colpita una donna di 58 anni

La donna è ricoverata all'ospedale di Empoli. Abita a Santa Croce sull'Arno

Ancora un caso di meningite in Toscana. Stavolta ad essere stata colpita dalla malattia è una donna di 58 anni, residente a Santa Croce sull'Arno e ricoverata all'ospedale San Giuseppe di Empoli. La conferma che si tratta di meningococco C è arrivata martedì 29 marzo dal laboratorio di immunologia dell’Azienda universitaria ospedaliera Meyer di Firenze.

L’unità funzionale di Igiene Pubblica del Dipartimento di prevenzione di Empoli ha immediatamente attivato le procedure per l'inchiesta epidemiologica e per la profilassi. Sono già state sottoposte a profilassi circa 60 persone tra familiari e conoscenti che hanno avuto contatti con la donna.

La donna inoltre ha frequentato i seguenti luoghi:

- Chiesa di Massarella (comune di Fucecchio), messa della sera di sabato 26 marzo dalle 24 fino al termine
- Cena del gruppo carnevalesco La Lupa di Santa Croce sull’Arno la sera del 19 marzo

"Solo per chi ha frequentato questi locali in tali data e orari è raccomandata la profilassi antibiotica da assumere prima possibile su indicazione medica" fanno sapere dall'Asl. La donna era stata vaccinata per meningococco C il 2 marzo scorso. "Merita ricordare - sottolineano dall'Asl - che per avere una copertura efficace devono passare alcune settimane dalla vaccinazione (tempo che può allungarsi in funzione dell’età del vaccinato). Inoltre, un pur piccolo numero di persone (intorno all’1-3% a seconda del vaccino) non risponde adeguatamente allo stesso, per costituzione genetica o per malattie concomitanti, cosa che sarà studiata anche nel caso specifico. Comunque sia, la strategia vaccinale generale, rimane il rimedio indispensabile per non ammalarsi e per allontanare l’infezione dall’area interessata. Infine, anche una risposta immunitaria parziale spesso non impedisce la malattia, ma la trasforma in una forma meno grave. Per la profilassi antibiotica, gli interessati possono rivolgersi al proprio medico o pediatra di famiglia, ai servizi di Guardia medica oppure al servizio di Igiene Pubblica di Empoli. Si ricorda che nei contatti di cui sopra, a scopo cautelativo e solo per maggiore sicurezza, la profilassi dovrà essere eseguita anche se è già stata effettuata la vaccinazione contro il meningococco C".

L'ASSESSORE SACCARDI: "VACCINATEVI"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meningite, ancora un caso: colpita una donna di 58 anni

PisaToday è in caricamento