Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Centro Storico / Via Guglielmo Oberdan

Mercatino di via Oberdan, c'è la soluzione: banchi spostati

le bancarelle degli artigiani dell'associazione Mestierando saranno distribuiti in tre zone: piazza Garibaldi, via San Francesco e piazza XX Settembre

“La situazione del mercato artigianale in via Oberdan, che il Comune aveva autorizzato in un primo momento dal 19 al 23, è stata risolta grazie ad una opera di mediazione tra la Confesercenti e l’assessore Andrea Ferrante. I banchi saranno ricollocati in altre aree (via San Francesco, piazza XX Settembre e piazza Garibaldi), liberando quindi via Oberdan nei giorni più caldi dello shopping natalizio”. A dare l’annuncio è Simone Romoli, responsabile area pisana di Confesercenti, al termine di una trattativa con il Comune ed in particolare con l’assessore Ferrante. La questione riguardava il tradizionale mercato organizzato dall’associazione Mestierando che ogni anno si svolgeva nel periodo natalizio in via Ulisse Dini. Quest’anno Palazzo Gambacorti aveva pubblicato anche un apposito bando, per il quale gli ambulanti avevano proposto via Oberdan.


“Da qui la legittima protesta dei commercianti a posto fisso - spiega ancora Romoli - visto che gli ambulanti hanno strutture che creano problemi per l’accesso ai negozi. Questo negli ultimi giorni di shopping prima del Natale. Abbiamo quindi immediatamente contattato l’assessore ponendo il problema. Un dialogo che non si è limitato ad una sterile protesta, ma che ha portato ad una soluzione. Un modo di lavorare con l’amministrazione che è distintivo della nostra associazione”. Quindi la decisione, accettata anche dai partecipanti al mercatino (che avevano comunque dato la propria disponibilità allo spostamento in un luogo comunque idoneo), di distribuire i banchi in tre zone. Ancora il responsabile Confesercenti: “Un grazie all’assessore e ai tecnici del Comune che in tempi rapidi hanno individuato, di concerto con la nostra associazione e gli operatori, una alternativa secondo noi valida. In un rapporto di corretta collaborazione, ed anche a seguito del parere favorevole degli operatori di via San Francesco interpellati uno per uno, abbiamo proposto di suddividere il mercatino in due zone principali: piazza Garibaldi e appunto via San Francesco, e solo quattro bancarelle in piazza XX Settembre. Una eventuale buona riuscita dell'iniziativa ci consentirebbe anche in seguito, di affrontare e risolvere il problema di via Ulisse Dini, non più disponibile per tali iniziative. Una dimostrazione - conclude Simone Romoli - di come si possono risolvere i problemi con il dialogo e non solo con le proteste spesso fini a se stesse”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercatino di via Oberdan, c'è la soluzione: banchi spostati

PisaToday è in caricamento