rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Piazza del Duomo

Terrorismo: il prefetto chiede un metal detector per l'accesso alla Torre di Pisa

E' la misura che il dottor Attilio Visconti ha richiesto all'Opera Primaziale Pisana. Le forze dell'ordine intanto sorveglieranno con maggior attenzione i luoghi sensibili come Piazza dei Miracoli, la sinagoga, Camp Darby e l'aeroporto

Nessun allarmismo, ma la mobilitazione nei paesi dell'Occidente e in Italia, scattata dopo l'attentato al settimanale satirico Charlie Hebdo a Parigi, non fa dormire sonni troppo tranquilli neppure a Pisa. Così, tra le misure previste per rafforzare la vigilanza anche in città, il prefetto Attilio Visconti ha chiesto all'Opera della Primaziale Pisana di predisporre un piano di fattibilità per l'installazione di un metal detector per controllare al meglio gli accessi alla Torre di Pisa. Inoltre il prefetto ha anche disposto il rafforzamento dell'attività info-investigativa.


I luoghi considerati 'obiettivi sensibili', nonostante, lo ripetiamo, non ci siano particolari allarmi, sono, oltre a Piazza dei Miracoli, la sinagoga, l'aeroporto e la base americana di Camp Darby. Proprio in questi luoghi verrà effettuato, come predisposto dalla Questura, il passaggio più frequente di pattuglie, con agenti che indosseranno il giubbotto antiproiettile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo: il prefetto chiede un metal detector per l'accesso alla Torre di Pisa

PisaToday è in caricamento