Coronavirus: vietato accedere alle sale di attesa dei Pronto soccorso per gli accompagnatori

E' una delle misure stabilite dall'Azienda Asl Toscana Nord Ovest per far fronte al Covid-19. Sospesi i corsi di Attività Fisica Adattata

Nuovi provvedimenti adottati dall'unità di crisi dell'Azienda Usl Toscana Nord Ovest dopo il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri con le misure per fronteggiare l'emergenza Coronavirus.

Nel dettaglio sono sospesi i corsi di Attività fisica adattata (AFA) su tutto il territorio dell’Azienda USL Toscana nord ovest (Pisa, Livorno, Lucca, Versilia, Massa Carrara).
Per i cittadini che accompagnano i propri familiari al Pronto soccorso è vietato accedere alle sale di attesa, fatto salvo in caso di pazienti fragili che richiedono assistenza (un accompagnatore per pazienti non autosufficienti, fino a due genitori per i pazienti in età pediatrica).

Saranno chiusi i Punti di primo soccorso, a vantaggio della gestione territoriale dei pazienti (medici di medicina generale e 118).

Le prestazioni della diagnostica per immagini per gli utenti esterni negli ospedali sono ridotte a quelle considerate urgenti o non rinviabili, su conferma telefonica del medico di famiglia alla radiologia di riferimento. Tale provvedimento ha validità per un periodo di 15 giorni. Le prenotazioni sono state sospese cautelativamente per 30 giorni. I pazienti con esami rinviati vengono contattati dal personale del front office per l’annullamento e la successiva riprogrammazione della prestazione.

La comunicazione alla sanità pubblica al numero di telefono 050.954444 deve avvenire esclusivamente per i pazienti rientrati dalle zone a rischio epidemiologico come definito dal decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 4 marzo 2020.

La persona che ha sintomi lievi e nelle ultime due settimane è stata nelle zone attenzionate con trasmissione locale documentata e incidenza superiore a 1 caso ogni 100mila abitanti (Regioni Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Marche; Provincia di Savona) è invitata a rimanere al proprio domicilio in permanenza fiduciaria e non è prevista l’esecuzione del tampone. In caso di aggravamento dei sintomi, il paziente è invitato a chiamare il proprio medico o pediatria di famiglia e gli operatori della sanità pubblica, che a seguito di valutazione del caso (per via telefonica o visita) dispone l’avvio del percorso di gestione territoriale del caso sospetto; in caso di situazione grave, il paziente o il medico di famiglia o il pediatra chiamano il 118, che interviene al domicilio del paziente e decide, dopo averlo visitato con il consulto dell’infettivologo, l’eventuale ricovero.

In presenza del solo criterio clinico (febbre, tosse o raffreddore) e della necessità di condurre una visita domiciliare o ambulatoriale, il paziente deve indossare sempre la mascherina chirurgica prima dell’avvicinamento dell’operatore a meno di un metro e mezzo dal paziente.

Facendo seguito alla circolare del 5 marzo della Regione Toscana, le strutture residenziali per anziani e disabili sono invitate ad adottare tutte le misure necessarie a tutelare la salute degli ospiti e del personale, ed in particolare:

  1. Limitare l’accesso di parenti (una sola persona al giorno per ciascun ospite) e visitatori alla struttura, organizzando, se ritenuto necessario, fasce orarie per gli ingressi. La Direzione della struttura è tenuta a verificare all’accesso: se la persona ha viaggiato negli ultimi 14 giorni in aree a rischio epidemiologico; se ha sintomi influenzali (febbre, mal di gola, raffreddore); se la ragione del suo ingresso sia indispensabile.
  2. All’ingresso e all’uscita dalla struttura disinfettare le mani mediante gel igienizzanti su base alcolica (60-85%);
  3. Organizzare le attività di animazione e socio educative prevedendo piccoli gruppi e rispettando la distanza di sicurezza di almeno un metro;
  4. Effettuare una frequente areazione e sanificazione dei locali;
  5. Fornire, se necessario, al personale i dispositivi di protezione individuale (DPI) monouso.

Queste indicazioni sono valide anche per le strutture semiresidenziali sanitarie e sociosanitarie (centri diurni), che restano aperte continuando a garantire il servizio. Laddove presente il servizio di trasporto occorre attuare idonee misure, quali la sanificazione dei mezzi e il rispetto della distanza di sicurezza all’interno degli stessi, per prevenire possibili trasmissioni di infezione agli utenti e al personale dedito al trasporto.

L’accesso del pubblico agli uffici amministrativi collocati negli ospedali avviene esclusivamente per mezzo telefonico o email, fatto salvo il reperimento di documenti (ad esempio cartelle cliniche) o materiali (ad esempio protesi) da consegnare necessariamente in presenza.

Per gli uffici collocati in edifici esterni agli ospedali, l’accesso del pubblico avviene preferibilmente per mezzo telefonico o email.

Nel caso di accesso in presenza è necessario rispettare le precauzioni da contatto (igiene delle mani, mantenere la distanza di almeno un metro e mezzo dall’interlocutore, coprirsi con un fazzoletto o con l’incavo del gomito quando si tossisce o starnutisce). In ogni ufficio aperto al pubblico sono presenti i volantini predisposti dalla Regione Toscana e Ministero della Salute sulla prevenzione del rischio di trasmissione delle infezioni e soluzioni disinfettanti per igiene delle mani.

L’Azienda ha inoltre stabilito che, relativamente alle occasioni di contatto sociale, le riunioni devono essere ridotte al minimo essenziale. Sono ammesse - utilizzando le precauzioni standard riguardanti il distanziamento - quelle inerenti la gestione dell'emergenza Coronavirus ed i briefing e debriefing riguardanti la pianificazione e la gestione clinica. Sono sospesi tutti gli eventi di formazione residenziale (corsi, seminari, convegni) e tutti gli eventi di formazione sul campo. Sono sospese le lezioni di aula dei Poli Didattici, riguardanti i corsi per studenti di Infermieristica o master universitari, ed i corsi per Operatori Socio Sanitari. Sono confermate le attività di tirocinio dei medici in formazione specialistica, dei medici di medicina generale, dei corsi universitari e post universitari delle professioni sanitarie, degli allievi dei corsi per Operatore Socio Sanitario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 143 nuovi casi: 38 positivi in più a Pisa

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 19 e 20 settembre

  • Piogge e temporali in Toscana: scatta l'allerta meteo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento