menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco e mobilità, Dringoli: "Riaprire l'accesso alle auto"

L'assessore del Comune: "Non è problema di pista ciclabile né di corse di autobus. Dobbiamo capire se Parco intende collaborare alla soluzione dei problemi"

L’assessore alla mobilità del Comune di Pisa Massimo Dringoli risponde al presidente del Parco Maffei Cardellini che, in merito alla scelta dell'amministrazione comunale di permettere la sosta delle auto sulla pista ciclabile di viale delle Cascine, aveva affermato che si trattava di una "decisione che disincentiva i mezzi ecologici". Dringoli, dopo aver premesso di "condividere" l'obiettivo di impedire "il parco sia invaso dalla auto", chiarisce alcuni punti.

"Il tratto che va da via del Capannone al Ponte delle Trombe - afferma Dringoli - è delimitato su entrambi i lati da due strisce delimitate da righe bianche che definiscono due fasce impropriamente chiamate 'piste ciclabili', mai istituite come tali da parte dell’Amministrazione Comunale. Per realizzare una vera pista ciclabile lungo il viale delle Cascine vi sono due possibilità. La prima prevede la realizzazione di una pista esterna alla corsia per i cavalli sul lato nord del viale, quindi in sede propria su terreno da espropriare. Con la seconda, invece, va ridisegnata la suddivisione dell’attuale viale, la cui larghezza complessiva di 9,70 metri consentirebbe la suddivisione in tre corsie, due per le auto ed una per le bici".

"È chiaro - prosegue Dringoli - che la prima di queste soluzioni risolverebbe ogni problema, ma risulterebbe più costosa e richiederebbe maggior tempo (valutabile in circa due anni). La seconda soluzione sarebbe per contro molto più economica e veloce, ma, nel caso che si volesse mantenere l’attuale divieto di accesso alle auto, non risolverebbe affatto il problema della sosta delle auto sul viale, che impedirebbero non solo la corsia ciclabile, ma anche una di quelle per le auto".

Secondo Dringoli sarebbe poco utile anche l'ipotesi di istituire un autobus che porti al Parco. "La richiesta di corse nel fine settimana - prosegue l'assessore - è stata avanzata in passato alla direzione del CTT Nord, ma è stata considerata antieconomica. Una loro attivazione può essere utile per facilitare l’accesso al Parco di qualche turista, ma non può essere risolutiva perché possano servirsene le migliaia di persone (talvolta anche decine di migliaia). Rispettando il distanziamento per il Coronavirus un autobus può portare al massimo 40 persone. Anche pensando di poter effettuare ogni giorno 20 corse all’andata e 20 al ritorno e (ipotesi improbabile) di riempirle tutte, vincolando comunque gli utenti a prenotare la corsa del ritorno, con questo mezzo potrebbero essere trasportate a San Rossore al massimo 800 persone al giorno, certamente molto meno di quelle che in certi giorni intendono andarci. Ciò non significa che si debba desistere dalla proposta di attivare una linea regolare di autobus per San Rossore, ma avendo comunque ben presente che non può essere la sua mancanza una giustificazione al divieto di accesso alle auto. C’è, piuttosto, da chiedersi se la direzione del Parco intende, o meno, facilitare l’accesso al Parco di migliaia di persone, e, in particolare, come consentire loro l’accesso se a novembre potesse riprendere la stagione delle corse".

"Crediamo che allo stato attuale - continua Dringoli - non si debba vietare l’accesso al Parco a tutte le auto, limitandolo però ai soli parcheggi presso l’ippodromo e quindi ad un numero di utenti corrispondente alla capacità dei parcheggi. Dando diritto al parcheggio, l’accesso con la propria auto potrebbe essere a pagamento, effettuabile anche con tessere magnetiche acquistabili in città e accesso con sbarra comandata elettricamente. Il divieto di accesso a tutte le strade interne al parco al di fuori dei parcheggi dell’ippodromo dovrebbe essere interdetto a tutti disponendo sbarre comandate elettricamente, fatta eccezione per le “utenze deboli” che potrebbero essere dotate di tessere gratuite. Le strade del Parco sarebbero quindi così percorribili solo a piedi o in bicicletta, aprendo per queste ultime anche l’accesso da via delle Lenze, attualmente chiuso, che consentirebbe di effettuare un giro più ampio del Parco. Una soluzione di questo tipo permetterebbe di realizzare la pista ciclabile sul viale delle Cascine nella forma più economica e veloce sopra citata, mentre il rifiuto del Parco ad attuarla non potrebbe avere altra conseguenza che la sosta sul viale delle Cascine sulla sedicente “pista ciclabile” attuale".

"Si è ben consapevoli - conclude l’assessore Massimo Dringoli - che l’attuazione di quanto proposto non potrà essere immediata, anche se i tempi necessari non appaiono eccessivamente lunghi. In attesa che questo possa avvenire, se il Parco intende collaborare alla soluzione del problema e, in particolare, a impedire la sosta sulla ciclabile del viale delle Cascine non potrà che riaprire l’accesso al parco alle auto, limitato ai parcheggi dell’ippodromo e per ora gratuitamente, impedendo con semplici transenne l’accesso a tutte le altre strade". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pisa usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento