Cronaca

Pisa saluta un pezzo di storia: è scomparso 'Il Gallaccio di Riglione'

Luciano Malloggi era una figura storica della città. Celebri alcune sue frasi, è stato anche protagonista di una canzone del duo I Gatti Mezzi

Se n'è andato a 85 anni, nella notte tra il 23 e il 24 giugno, 'Il Gallaccio di Riglione'. Probabilmente una delle ultime figure iconiche più celebri della città di Pisa. Uno di quei personaggi popolari che in molti, seppur non avendolo mai visto o incontrato dal vivo, hanno citato almeno una volta in un discorso fra amici. Culturista per passione, playboy per lavoro: negli anni '60, '70 e '80 percorreva i luoghi di villeggiatura più celebri della costa da Forte dei Marmi fino al litorale pisano, per compiacere con la sua compagnia dame e signore.

Un fascio di muscoli reso celebre dal duo pisano I Gatti Mezzi, che a lui hanno dedicato la canzone omonima "Ir gallaccio di Riglione", nella quale hanno concentrato abitudini, unicità e frasi tipiche di Luciano Malloggi. "Co' mattoni 'nder borsone/ Per mostrare alle signore/ Der tricipite 'r gonfiore": il Gallaccio percorreva Corso Italia con le borse piene di mattoni per allenarsi e, contemporaneamente, mostrare tutta la sua prestanza fisica.

E ancora: "Te vai 'n fabbrïa o 'n miniera/ Cor piccone e con le pinze/ Mentr' io sciòrgo 'vand'è ssera/ 'Vesta berva 'he c'ho ne' ginze". Anche per chi non ha origini pisane, il senso di queste parole è abbastanza chiaro: il mestiere del Gallaccio era il playboy. Senza orari né vincoli: Luciano Malloggi infatti era un fautore del cosiddetto 'risveglio naturale': perché forzare il proprio corpo ad alzarsi dal letto alle 7 di mattina, quando in realtà il risveglio appunto 'naturale' sarebbe almeno intorno alle 10?

Dopo la notizia della sua scomparsa, sui social si sono susseguiti messaggi di cordoglio e di ricordo sfumati di allegria. Perché il Gallaccio era un amante della vita e di tutte le sue dolcezze. Tra i messaggi di commiato anche quello lasciato da Tommaso Novi e Francesco Bottai, i Gatti Mezzi, che gli avevano dedicato una delle loro canzoni più celebri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pisa saluta un pezzo di storia: è scomparso 'Il Gallaccio di Riglione'

PisaToday è in caricamento