Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Lutto a Pisa: è morto Giorgio Vecchiani, storico presidente dell'Anpi

Partigiano e antifascista era una figura notissima in città. Finita la Guerra si iscrive al Pci ricoprendo negli anni anche i ruoli di consigliere provinciale e assessore comunale. Il cordoglio del Consiglio comunale

E' morto oggi, a 89 anni, Giorgio Vecchiani, storico presidente dell'Anpi, ex consigliere provinciale e assessore comunale a Pisa.

A ricordarlo, durante la seduta odierna del consiglio comunale, il sindaco Marco Filippeschi. "Perdo un amico e un compagno carissimo - ha detto Filippeschi - che è stato in prima linea fino all'ultimo giorno. Ha dato tantissimo alla città e per Pisa è stato protagonista e testimone della ricostruzione del dopoguerra. Ricorderemo Giorgio come merita. Valorizzeremo l'esempio luminoso e vivissimo che ci lascia. Lo sentiremo vicino ogni giorno".

Sulla scomparsa di Vecchiani è intervenuto anche Ranieri Del Torto. "La scomparsa di Giorgio Vecchiani - ha detto il presidente del consiglio comunale - lascia tutti noi sconvolti. E’ stata una figura di immensa importanza per la nostra città e non solo. Vorrei ricordare, oltre al suo impegno, anche la sua straordinaria capacità di comunicare soprattutto con i più giovani. Ci mancheranno i suoi racconti, i suoi ricordi. Nel suo nome vogliamo che i valori della resistenza e della liberazione si radichino sempre più nella nostra realtà cittadina". Parole di cordoglio anche dal capogruppo di Forza Italia, Giovanni Garzella. "Con lui - ha detto Garzella - scompare una persona che ha dedicato moltissimo alla ricostruzione della memoria storica e, anche per questo, gli saremo sempre grati".

LA VITA. Terminate le scuole medie Vecchiani entra come avventizio archivista alla Prefettura di Pisa e, nello stesso periodo, conosce e frequenta alcuni studenti universitari e giovani antifascisti della sua città. L’opposizione al regime si concretizza in questa fase in azioni di disturbo come la falsificazione di documenti per i ricercati, la diffusione di volantini, le scritte inneggianti alla pace dipinte sui muri, il sabotaggio degli orti di guerra intitolati ai gerarchi fascisti, con le targhe loro dedicate divelte e gettate in Arno.

A giugno del 1944, col nome di battaglia 'Il Lungo', Giorgio entra nella Resistenza con la formazione 'Nevidio Casarosa', distaccamento della 23ª Brigata Garibaldi, di base sul Monte Faeta. Sotto il comando di Ilio Cecchini prende parte a numerose azioni contro pattuglie tedesche e militari repubblichini e a scontri a fuoco per impedire rappresaglie e razzie degli occupanti. Il 2 settembre ’44 Pisa è liberata.

Dopo la Guerra Vecchiani si iscrive al Pci dove inizia a svolgere un’intensa attività a livello provinciale. Assunto all’Ente comunale di assistenza di Pisa, dal ’45 al ’47 è distaccato con funzioni di segretario all’Alto Commissariato per le sanzioni contro il fascismo. Nel 1951 è nominato direttore di un campo profughi per i superstiti dell’alluvione del Polesine e l’anno dopo, iniziati i processi ai partigiani, è tra i promotori del Comitato di Solidarietà Democratica di cui diviene membro nazionale sotto la presidenza del senatore Umberto Terracini.

Nella sua città, sempre in rappresentanza del partito comunista, Vecchiani è successivamente consigliere provinciale (1963-1965), componente della giunta (1966-1974) e nel Consiglio di amministrazione degli Ospedali Riuniti di Santa Chiara e della Usl 12. Dal 1985 si dedica al reinserimento dei detenuti nella società e nel mondo del lavoro, prima come presidente dell’associazione di volontariato Pubblica Assistenza di Pisa, poi come fondatore e direttore della cooperativa sociale Don Bosco.

Nell’Anpi, Giorgio è eletto Presidente del comitato provinciale (’99) e, nel 2001, Consigliere Nazionale. Nel 2007 arriva la nomina a Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. La sua testimonianza sulla Resistenza è raccolta nel volume 'Io sono l’ultimo" (Einaudi, 2012) e nel film documentario 'La memoria degli ultimi'.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lutto a Pisa: è morto Giorgio Vecchiani, storico presidente dell'Anpi

PisaToday è in caricamento