Si dà fuoco dopo la notifica di sfratto: morto 41enne

L'uomo aveva ustioni sul 70-80% del corpo ed era stato trasportato all'ospedale Cisanello in condizioni disperate

Non ce l'ha fatta il 41enne che ieri, 13 gennaio, si era dato fuoco in un appartamento di Altopascio (Lucca), dopo aver ricevuto la notifica di esecuzione di sfratto dall'ufficiale giudiziario. E' stato dichiarato morto questa mattina al Centro Grandi Ustionati dell'ospedale di Pisa dove era stato trasportato in condizioni disperate.

L'uomo era stato soccorso da alcuni vicini che lo avevano visto uscire nel cortile dello stabile avvolto dalle fiamme. Poi l'arrivo del 118 e il trasporto in ospedale in gravissime condizioni con ustioni sul 70-80% del corpo. Stamattina il drammatico epilogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Residente a Pisa in quarantena: è entrato in contatto con l'uomo positivo a Pescia

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Coronavirus: in Toscana due casi sospetti positivi in attesa di validazione

  • Coronavirus: le nuove misure varate oggi dalla Regione

  • Coronavirus, caso sospetto a Firenze: positivo il secondo tampone su un uomo

Torna su
PisaToday è in caricamento