Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Olivicoltura: il 25% delle olive pisane attaccate dalla mosca killer

La mosca olearia è stata particolarmente aggressiva in questa stagione, la Coldiretti mette a disposizione le sedi di Pontedera, Santa Luce e Volterra per prevenire danni irrimediabili alle colture

Aveva già "punzecchiato" gli olivi pisani a luglio, ora però è pronta a dare un ulteriore assalto con l'abbassamento delle temperature. Stiamo parlando della mosca olearia, che si conferma la bestia nera per gli olivicoltori, costretti a fare i conti con i violenti attacchi della temibile bactrocera oleae, quest’anno presente massicciamente su tutto il territorio provinciale.

Il 25% degli olivi campionati è stato preso d'assalto dalla mosca, così la Coldiretti provinciale corre ai ripari.
“Gli attacchi sono stati davvero massicci e diffusi su tutto il territorio - analizza Fabrizio Filippi, Presidente Provinciale Coldiretti - ma la prevenzione ha consentito agli olivicoltori di salvare la produzione e di ridurre notevolmente i danni, grazie al monitoraggio costante e ad una lotta guidata che ha limitato il numero degli interventi antiparassitari, e di conseguenza i quantitativi di fitofarmaci utilizzati ed emessi nell’ambiente. La prevenzione in questo caso porta anche ad un risparmio economico e ad un minor impatto sull’ambiente, altri due aspetti fondamentali degli interventi previsti dall’attività di monitoraggio, insieme alla tracciabilità, alla certificazione fino alla tutela della qualità dell’olio”.

Prevenire è meglio che curare, recita un celebre degli slogan che funziona anche in questo caso: “La prevenzione, laddove è stata messa in atto - spiega ancora Filippi - ha prodotto risultati straordinari e ha contribuito ad evitare al raccolto di essere compromesso”.

Così fino ad ottobre negli uffici provinciali di Coldiretti sarà attivo per il secondo anno consecutivo lo sportello gratuito nato per assistere gli olivicoltori.
Lo sportello permetterà agli agricoltori-produttori di ottenere indicazioni di tipo generale, effettuare un’analisi diretta delle olive attraverso l’utilizzo di stereoscopi, determinando così la percentuale di infestazione, oltre a guidare i produttori alle prese con le nuove regole in materia di etichettatura. “E’ uno strumento determinante - conclude Filippi - per le imprese. Solo così possiamo garantire un prodotto di qualità al consumatore finale”.

Ecco tutti gli sportelli attivi: a Pontedera, il lunedì dalle  8,30-13,30 e 14,30-17,30, presso l’ufficio in Via Tosco Romagnola n. 241/E (tel: 0587-483054); Santa Luce, il martedì dalle 8,30-13,30 e 14,30-17,30, presso l’ufficio di Via Berlinguer n. 2 (tel: 050-685927) e Volterra, il mercoledì dalle 8,30-13,30 e 14,30-17,30, presso l’ufficio di Via Ricciarelli n. 10 (tel: 0588-86367).


Per maggiori informazioni pisa@coldiretti.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olivicoltura: il 25% delle olive pisane attaccate dalla mosca killer

PisaToday è in caricamento