menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Moschea, in attesa dell'udienza del Tar: "Sosteniamo la libertà di culto"

Diritti in Comune appoggia la comunità islamica che ha presentato ricorso contro il diniego del permesso a costruire il luogo di culto

E' in programma domani, mercoledì 16 ottobre, la nuova udienza del TAR Toscana sul ricorso che la comunità islamica di Pisa ha depositato contro gli atti della Giunta Conti che impediscono di costruire la moschea sul terreno di proprietà della comunità stessa in via Chiarurgi. 

"Da quando si è insediata, la Giunta a guida leghista ha inventato sempre nuovi pretesti di tipo urbanistico per mascherare il suo 'no alla moschea'. Questo 'no' è incompatibile con il principio costituzionale della libertà di culto: si fonda su pregiudizi islamofobi e su atteggiamenti discriminatori contro i cittadini e le cittadine di religione musulmana - affermano da Diritti in Comune - dopo aver annunciato una prima variante urbanistica, per cambiare la destinazione d'uso del terreno da luogo di culto a parcheggi, e dopo che gli uffici comunali hanno negato il permesso a costruire alla comunità, la Giunta Conti ha pensato di inserire il terreno in via Chiarugi tra quelli da destinare a parcheggi nella variante per lo stadio. Si tratta di un'ennesima forzatura, con cui la Giunta vuole dissimulare l'attacco alla moschea dietro presunte necessità urbanistiche. In realtà, nella discussione in Consiglio Comunale sulla variante stadio, abbiamo dimostrato dati alla mano che quel terreno non è affatto necessario agli standard urbanistici richiesti dalla ristrutturazione dell'Arena Garibaldi. Inoltre, in questo modo, la Giunta espone tutta la variante stadio al rischio di annullamento, qualora il TAR accogliesse il ricorso della comunità".

"Quale che sarà la decisione dei giudici amministrativi - proseguono dalla coalizione guidata dal consigliere comunale Ciccio Auletta - noi continueremo a sostenere il primato della Costituzione, del divieto di discriminazione per motivi religiosi e del diritto alla libertà di culto su ogni altra considerazione di bassa propaganda politica. Tutte le politiche costruite sull'odio, che non riconoscono pari dignità a chi professa una religione diversa da quella maggioritaria, ci rendono meno liberi e più insicuri. Non è questa la società che vogliamo per noi e per le future generazioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Dolci regionali, la ricetta dei cantucci toscani

social

Piatti regionali, la ribollita toscana: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento