Movida pisana più sicura: siglato l'accordo tra commercianti ed istituzioni

La movida pisana è stata regolamentata, coinvolgendo i pubblici esercizi e introducendo figure professionali adeguatamente formate per lavorare sulla prevenzione

Ieri il protocollo d'intesa è stato siglato in prefettura per imboccare la strada del partenariato tra Comune, Asl, forze dell'ordine, Confcommercio e Confesercenti. "L'accordo - ha spiegato il prefetto Francesco Tagliente - serve a migliorare le condizioni di vivibilità e sicurezza delle aree cittadine maggiormente interessate dal fenomeno della movida e a lavorare sulla prevenzione attraverso la somministrazione assistita, individuando figure professionali che nei locali consiglino il cliente che ha già bevuto troppo di rivolgersi al vicino presidio sanitario piuttosto che continuare a bere e a peggiorare la situazione".

Nella piazza maggiormente frequentata dai giovani sarà presente ogni sera, dal giovedì al sabato dalle 22 alle 4 e nei prefestivi, un'ambulanza pronta a intervenire in caso di necessità per dare assistenza a chi ne ha bisogno ed evitare che l'alterazione dovuta all'alcol inneschi conseguenti problemi di ordine pubblico. Al Comune viene affidato invece maggiore sforzo nel mantenimento del decoro urbano, nel potenziamento dell'illuminazione pubblica e nell'efficienza della videosorveglianza.

"Daremo concretezza a quest’intesa fin dai prossimi giorni  - ha affermato il sindaco Marco Filippeschi intervenendo durante la firma del protocollo - dato che è imminente l’apertura degli storici bagni pubblici Cobianchi, sotto le Logge di Banchi e stiamo valutando alcune soluzioni anche per quanto riguarda i bagni pubblici in Piazza delle Vettovaglie dove abbiamo intenzione di risistemare la lastricatura oggi piuttosto sconnessa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Diamo grande valore a quest’accordo, che rappresenta un passo in avanti verso una città più vivibile dove le diverse componenti, come anziani e giovani, residenti e ospiti, possono convivere – ha proseguito il primo cittadino -. L’amministrazione comunale è in prima fila per impedire comportamenti negativi per quel che riguarda il conferimento dei rifiuti, le affissioni abusive, le scritte sui muri e gli schiamazzi notturni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 254 nuovi casi in Toscana, 3.226 i contagi 

  • Coronavirus e commercio: dichiarato lo sciopero per punti vendita e supermercati

  • Coronavirus: 224 nuovi casi positivi in Toscana

  • Coronavirus, 305 nuovi casi in Toscana: salgono a 4.122 i contagi dall’inizio

  • Coronavirus: primi esiti positivi in pazienti trattati con farmaco 'anti-terapie intensive'

  • Coronavirus: i negozi che effettuano consegne a domicilio a Pisa e provincia

Torna su
PisaToday è in caricamento