Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Movimento 5 Stelle: un negozio di prodotti sfusi a Km 0 a San Miniato

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Tutto ciò che mangiamo oggi non ha più niente di naturale e sano, ma è solamente ad uso e consumo di un sistema che trasporta la merce per lunghissime tratte. Negli ultimi dieci anni la Toscana ha perso il 38% delle aziende agricole e più di 100.000 ettari di superficie coltivata, 6 volte più della media Nazionale. Per essere competitive sul mercato le aziende agricole devono disporre di almeno 70 ettari di estensione ma la media italiana è inferiore ai 5 ettari: di fronte a questi numeri choc diventa un dovere incoraggiare la piccola produzione riagganciando la domanda e il consumo locale alla produzione locale.

Il 4 gennaio 2012 la Regione Toscana ha pubblicato un bando per l'assegnazione di 375.400 Euro a sostegno dei mercati produttori e degli spacci locali. I comuni avranno la possibilità di presentare domanda entro il 3 marzo 2012. Il contributo arriva ad 80.000 euro per quanto riguarda gli eventi periodici locali (almeno una volta al mese) all'aperto per la vendita diretta di prodotti locali di qualità,  fino a 120.000 euro invece sono destinati ai punti di vendita diretta in sede fissa gestiti da associazioni di imprenditori agricoli. Sarà inoltre possibile ottenere fino a 100.000 euro per quei progetti "speciali" regionali che si distinguono per la sperimentazione di nuove forme di vendita diretta, promozione e/o rivolte a risolvere particolari emergenze locali.

Questa è senza dubbio una bella iniziativa, ma va sfruttata. San Miniato ha il dovere di partecipare. Considerata la presenza già da ormai un paio d'anni del Mercato della Terra, la nostra idea è quella di istituire un vero e proprio "Negozio permanente di prodotti sfusi a km 0", un punto di riferimento quotidiano per la compravendita di prodotti sfusi e/o genuini e freschi provenienti da aziende locali, quindi nel pieno rispetto del concetto di "filiera corta". Sarebbe interessante aprire un dibattito per capire quanti e quali produttori del comprensorio sarebbero disposti ad aderire a un progetto del genere.

Stiamo parlando di un posto in cui fare la spesa significherebbe evitare di portarsi a casa kg di imballaggi che alla fine del ciclo consumo si trasformerebbero inesorabilmente in rifiuti da smaltire. Potenzialmente sono molti i prodotti di uso quotidiano che si presterebbero alla vendita sfusa: dalla pasta ai cornflakes, dall'olio ai succhi di frutta, dai biscotti al latte, dal vino al detersivo per i piatti, dal bagnoschiuma alla frutta. L'obiettivo è proporre nel quotidiano quegli eventi "eccezionali" che proprio per la loro natura saltuaria stentano a cambiare le abitudini dei cittadini. 

Quante volte ci siamo sentiti dire dal Sindaco o dalla Giunta che "non ci sono soldi" a causa della crisi e dei tagli del Governo centrale? Questo bando rappresenta un'occasione per finanziare progetti utili e interessanti senza attingere dalle Casse comunali.
 

Movimento 5 Stelle San Miniato
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Movimento 5 Stelle: un negozio di prodotti sfusi a Km 0 a San Miniato

PisaToday è in caricamento