Piazza Vittorio Emanuele: "Siano rimosse le transenne al palazzo della Provincia"

E' quanto chiede in una mozione il consigliere di Pisa nel Cuore, Gino Mannocci: "Un monumento al degrado, il Sindaco intervenga"

"Il Sindaco di Pisa Michele Conti intervenga subito per far cessare lo stato di degrado del palazzo della Provincia, in piazza Vittorio Emanuele II". E' la richiesta avanzata dal consigliere comunale Gino Mannocci (Pisa nel cuore), in una apposita mozione sottoscritta anche dalle altre forze di maggioranza. 

Secondo Mannocci la "Giunta Comunale è riuscita a definire la controversia con la società Pisa Parcheggi ed ha restituito piazza Vittorio Emanuele II alla cittadinanza" tuttavia il "Palazzo della Provincia (che attualmente risulta gestito dalla Regione Toscana) da moltissimo tempo cade letteralmente a pezzi, è ingabbiato malamente e restituisce l’immagine di una città in abbandono e assolutamente degradata con grave danno per il decoro cittadino, gli operatori turistici e la cittadinanza tutta compresi soprattutto i residenti della Stazione che devono vivere con questo 'monumento  al degrado'".

"Il Sindaco - aggiunge, infine, il consigliere Mannocci - potrebbe adottare una ordinanza contingibile ed urgente imponendo così le misure del caso e finalizzata ad ordinare la ristrutturazione del Palazzo e la rimozione delle transenne, restituendo il perimetro del Palazzo alla normale fruizione della popolazione e restituendo alla zona il decoro attualmente perduto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Incendiato da ignoti storico negozio di abbigliamento: "Duro colpo, ma non mollo"

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento