rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca

Multa milionaria a One Scarl, Buscemi (FI): "La sanzione graverà anche sui cittadini pisani"

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha condannato l'ex gestore del trasporto pubblico a pagare un'ammenda di 3,5 milioni di euro

"La Relazione conclusiva della Seconda Commissione di Controllo e Garanzia sulla partecipata CTT NORD - scrive Riccardo Buscemi, capogruppo di Forza Italia in Consiglio Comunale a Pisa - dovrà essere necessariamente integrata con la clamorosa notizia della sanzione di 3,5 milioni di euro inflitta al Consorzio ONE Scarl dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Dopo l'istruttoria nei confronti dei gestori uscenti del servizio TPL su gomma della Regione Toscana, consorziati in ONE Scarl, è stato accertato un abuso di posizione dominante. Una nota della stessa Autorità afferma che 'la società ha adottato una complessa strategia abusiva per ostacolare il subentro del nuovo gestore Autolinee Toscane S.p.A. A giugno 2020', l'Autorità aveva adottato delle misure cautelari".

Buscemi prosegue: "La strategia è stata realizzata non trasmettendo informazioni e dati indispensabili per la stipula dei contratti di cessione dei beni essenziali (immobili, autobus e varie tipologie di beni mobili) e non sottoscrivendo gli stessi atti di trasferimento dei beni a favore del nuovo gestore. La condotta adottata dai gestori uscenti ha dunque consentito a ONE Scarl di continuare a offrire il servizio ben oltre i termini stabiliti dalla Regione Toscana per il subentro da parte del nuovo gestore, per un periodo complessivo di 22 mesi. Per questo motivo Autolinee Toscana, pur essendo legittima aggiudicataria della gara già il 19 aprile 2019, ha potuto iniziare ad erogare il servizio solo a partire dal 1 novembre 2021".

Incalza Riccardo Buscemi: "La sanzione è una cosa gravissima, quest'importo sarà ripartito in quota parte tra i vari consorziati, fra cui anche CTT NORD srl, di cui il Comune di Pisa è ancora socio, e quindi gravando sui nostri cittadini. Nel confermare la mia proposta di recesso del Comune di Pisa dalla Società (purtroppo in tempi non certo rapidi), proporrò al Consiglio Comunale di dare mandato al sindaco perché promuova azione di responsabilità nei confronti di tutti gli Amministratori del Consorzio e di CTT NORD del periodo in cui si è realizzata la condotta abusiva sanzionata dall'Autorità". Amara la conclusione del Capogruppo di Forza Italia: "Non è possibile gestire in questo modo le società pubbliche senza pagare le conseguenze di condotte che la nostra forza politica aveva sin da subito biasimato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multa milionaria a One Scarl, Buscemi (FI): "La sanzione graverà anche sui cittadini pisani"

PisaToday è in caricamento