rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Municipale, videosorveglianza e manutenzioni: è la proposta del Bilancio di previsione 2022

Approvato il documento dalla Giunta di Pisa. Il sindaco Conti: "Bilancio di ripartenza, investimenti e sviluppo senza aumentare le tasse"

La Giunta comunale di Pisa ha approvato la proposta del bilancio di previsione 2022/2024 da sottoporre al Consiglio Comunale per l’approvazione definitiva.

"Lo schema di bilancio di previsione che abbiamo approvato in Giunta - dice il sindaco Michele Conti - è un atto che definirei di ripartenza. Mantiene degli elementi fondamentali di sostegno alle fasce più deboli e di vicinanza alle categorie economiche, misure introdotte per fronteggiare l’emergenza Covid e che abbiamo voluto mantenere, ma al contempo si fonda su due pilastri: investimenti e sviluppo. Puntiamo in modo deciso sulle opere pubbliche, continuando nel lavoro iniziato tre anni fa, per rendere Pisa più funzionale, bella e accogliente. E lo facciamo senza aumentare la pressione fiscale sui cittadini: le tasse non aumentano e anche le tariffe dei servizi a domanda individuale restano invariate, a eccezione di piccoli adeguamenti sulle rette degli asili nido per le fasce di reddito più alte".

"Utilizziamo una parte degli oneri di urbanizzazione per finanziare il bilancio corrente - prosegue - avendo scelto di mantenere un livello adeguato di spesa corrente per garantire i servizi ai pisani, per sostenere il mondo dell’associazionismo, della cultura, dell’assistenza sociale alla popolazione. Investiremo nel personale, potenziando l’organico della Polizia Municipale, a cui abbiamo dato l’obiettivo di istituire il quarto turno, quello nelle ore notturne, per garantire un adeguato presidio del territorio. Investiremo, parallelamente, per ampliare la rete di videosorveglianza per rendere Pisa una città più sicura. Viene confermata la grande attenzione alle spese in conto capitale per gli investimenti in opere pubbliche e lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria della città, indispensabili per lo sviluppo virtuoso e per il miglioramento della qualità della vita dei nostri concittadini".

Bilancio di previsione 2022 

Il bilancio 2022 del Comune di Pisa è di 316 milioni di euro. La spesa corrente è di circa 127 milioni mentre quella in conto capitale di 137 milioni di euro. Alla voce entrate correnti sono previste entrate tributarie (TITOLO I) pari a € 84.693.662,00; entrate da trasferimenti (TITOLO II) pari a € 5.643.931,00; entrate extratributarie (TITOLO III) pari a € 37.672.901,00. Mentre per le entrate in conto capitale ci sono quelle da contributi agli investimenti, alienazioni patrimoniali, altre entrate (TITOLO IV) pari a € 129.478.829,00, cui sono da aggiungere le entrate da accensione di prestiti pari a 8 milioni di euro.

Alla voce uscite sono previste uscite di spesa corrente (TITOLO I) per € 127.155.022,00, cui sono da aggiungere i rimborsi di prestiti (TITOLO IV) per 3.944.711,00 per un totale di spesa pari a 131.099.733,00. Mentre sono previste uscite in conto capitale (TITOLO II) per € 136.934.574,00.

Il costo del personale La spesa corrente per il personale prevista per il 2022 ammonta a 30 milioni di euro, pari al 24% della spesa corrente.

Livello di indebitamento 

La Giunta comunale ha deciso l’accensione di prestiti tramite assunzione di nuovi mutui per 8 milioni di euro per la realizzazione di opere pubbliche, in aggiunta agli 8 del 2020, portando il livello di indebitamento del bilancio a 18,8 milioni, raggiungendo così lo 0,41% del parametro dell’indebitamento, ampiamente al di sotto della soglia massima del 10% stabilita per legge.

Non essendo prevista assunzione di nuovo debito negli anni successivi al 2022, la spesa complessiva per rimborso prestiti (TITOLO IV) mantiene un profilo decrescente, anche alla luce dell’ammortamento di una parte dello stock di debito.

Principali aliquote 

Invariate per il 2022 le aliquote IMU e l’addizionale comunale IRPEF. Per la Tari  si rinvia a una successiva comunicazione del piano finanziario dei rifiuti da parte di ATO Costa e al successivo calcolo delle tariffe entro i primi mesi del 2022.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Municipale, videosorveglianza e manutenzioni: è la proposta del Bilancio di previsione 2022

PisaToday è in caricamento