rotate-mobile
Cronaca Vicopisano

Vicopisano, ultimato il Murale dedicato a tutte le vittime innocenti delle mafie

Da domenica 9 maggio l'opera realizzata da Daria Palotti sul muro di contenimento dello Zambra a Caprona è visibile a tutti

9 maggio, la data scelta dall'amministrazione comunale di Vicopisano per scoprire e disvelare il murale, iniziato il 21 marzo scorso, Giornata dedicata alle vittime innocenti delle mafie, realizzato a Caprona dall'artista Daria Palotti su un muro di contenimento della Zambra, dopo una accurata rigenerazione dello stesso da parte di Franco Forino, e con colori e prodotti forniti dalla Caparol. Tutto fatto gratuitamente, un vero e proprio dono, da parte degli artisti e dell'azienda, alla comunità. 

"Una data non certo casuale - ha spiegato il sindaco Matteo Ferrucci - un giorno di Memoria, uno di quelli che ha fatto la storia del nostro Paese. Il 9 maggio 1978 Peppino Impastato fu ucciso dalla mafia, solo nel 2002 Tano Badalamenti fu condannato all'ergastolo come mandante, dopo anni e anni di depistaggi. Lo stesso giorno il corpo di Aldo Moro fu ritrovato, dopo 55 giorni di prigionia in mano alle Brigate Rosse, nel baule posteriore di una Renault 4 rossa, in via Caetani a Roma. Dal 2007 il 9 maggio è la Giornata dedicata alle vittime del terrorismo. Due date da non dimenticare - ha continuato il sindaco - e al contempo due date che ci stimolano a ricordare persone che, proprio come sono raffigurate nel murale realizzato da Daria Palotti, che ringrazio ancora per tutto ciò che ha fatto e continua a fare  per il nostro Comune, sono stelle e luci di etica e di giustizia, per il nostro agire quotidiano".

"L'idea del Murale - ha aggiunto l'assessore alla Legalità Fabiola Franchi - è nata dall'amministrazione accogliendo le richieste di alcuni cittadini di Caprona che volevano riqualificare questo muro sulla Zambra. Il resto è storia ed è arte e sensibilità, quelle di Daria Palotti, straordinaria pittrice e scultrice. Il murale accoglie Dante, visto che Caprona è cantata nella Divina Commedia, lo ricorda anche una epigrafe recentemente restaurata nel giardino di via delle Cave, e visto che Avviso Pubblico, promuovendo la Giornata per le vittime innocenti delle mafie, ricorrendo nel 2021 il 700° anniversario della morte di Dante, ha scelto come slogan 'a ricordar e rivedere le stelle', unendo Divina Commedia e cultura della Memoria. Il murale è la rappresentazione artistica di questa frase, di questo nobile intento".

"E' la prima volta - ha detto Daria Palotti - che realizzo un'opera così grande, ringrazio l'amministrazione per questa opportunità. Dipingere un murale di 11 metri è stata un'impresa di cui sono estremamente contenta, mi ha consentito un contatto privilegiato con i capronesi e con le persone che passavano, in particolare con Franco e Antonio che mi sono stati sempre vicini, coprendo e scoprendo il murale, portandomi un ombrellone per ripararmi dal caldo,  portandomi da mangiare, conducendomi a vedere punti splendidi di Caprona che non conoscevo, sempre con tanto amore". 

L'artista prosegue: "Ho raffigurato Dante, riprendendo il ritratto di Botticelli, la frase in cui cita Caprona nella Divina Commedia, la Torre degli Upezzinghi,la frase di Avviso Pubblico, il ricordo per le vittime innocenti delle mafie e il simbolo di Caparol, che ha donato tutto ciò che serviva sia per dipingere il muro che per prepararlo al murale. La rappresentazione è attraversata dalle stelle, sono riuscita a dipingerne più di mille, il numero attuale delle vittime innocenti delle mafie, stelle brillanti per tutti noi. Il momento più emozionante, per me, sicuramente". Nel momento del disvelamento del murale, il 9 maggio, nel corso di una semplice e ridotta cerimonia, a causa della normativa antiCovid, ma molto sentita, erano presenti anche Fabrizio Tognoni, referente provinciale di Libera, Linda Vanni, vicesindaca di Montopoli In Val d'Arno e coordinatrice provinciale di Avviso Pubblico e Matteo Cecchelli, consigliere comunale di San Giuliano Terme ed esponente di Avviso Pubblico. 

Hanno sottolineato l'importanza di ricordare in modo indelebile, con un omaggio alla cultura e alla legalità così imponente, la giornata del 21 marzo, nata, come ha spiegato Tognoni, "soprattutto per stringere in un grande abbraccio, di vicinanza e sostegno i familiari delle vittime delle mafie, il 70% delle quali aspetta ancora verità e giustizia e che si impegnano, nelle scuole e in tutte le sedi, a portare la loro testimonianza". "Anche la posizione del murale è significativa - ha sottolineato Cecchelli - come ha detto il sindaco da qui passano, ogni giorno, circa 10.000 auto e quindi sarà sotto gli occhi di tutti. Inoltre è posto a un crocevia tra quattro Comuni: Vicopisano, Calci, San Giuliano Terme e Cascina, e gli enti pubblici, lo sappiamo, sono i primi baluardi per la diffusione della cultura antimafia".

"Sono certa - ha detto Vanni - che saranno i cittadini e le cittadine a prendersi cura di questo murale, a proteggerlo. Queste stelle, così ben raffigurate, sono gli esempi luminosi delle famiglie delle vittime che portano avanti battaglie alle quali tutti ci dobbiamo unire, senza paura. Parlando, denunciando, se è il caso, lottando, non indietreggiando neanche di un millimetro. Ringrazio l'amministrazione, il sindaco Ferrucci, l'assessore Franchi e Daria Palotti che con questo murale ha fatto un grandissimo dono non solo alla sua comunità, ma a tutta Italia". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vicopisano, ultimato il Murale dedicato a tutte le vittime innocenti delle mafie

PisaToday è in caricamento