Volterra: a Palazzo Priori sorgerà un museo dell'alabastro

Lo ha annunciato il sindaco, Marco Buselli. L'assessore al Turismo Gianni Baruffa: "Un arricchimento per la città e tutto il territorio"

Volterra avrà un suo museo dell'Alabastro. Ad annunciarlo è stato il sindaco Marco Buselli spiegando che il museo sorgerà a palazzo Priori, "luogo - ha affermato Buselli - simbolo della città. Purtroppo Volterra non ha più da diversi un vero e proprio museo dell'Alabastro. Al suo posto hanno permesso l'apertura di una sorta di 'museo' della tortura. E quello che c'è, l'ecomuseo, non è certo rappresentativo della magnificenza del nostro alabastro, anche se comunque ha un significato didattico, essendo impostato su una chiave cronologica, che racconta la lavorazione dell'alabastro attraverso i secoli".

"L'ecomuseo resterà - prosegue Buselli - e cercheremo su questo di riallacciare i legami col territorio, da Castellina a Santa Luce, ma dovrà essere letto sempre più come museo civico, che racconta la città, assieme alla Pinacoteca, con cui abbiamo già fatto un ingresso unico ed un unico bookshop. Serve poi un vero e proprio catalizzatore della capacità di stupire, propria di questa pietra: per questo i due piani sopra la Sala del Maggior Consiglio, adesso parzialmente utilizzati con l'alternarsi di temporanee, diverranno sede espositiva fissa per un museo dell'alabastro. Su questo daremo indirizzo al settore Cultura di lavorare a breve, per definire i contorni dell'operazione. I vantaggi sono quelli di usare una sede espositiva di fatto già pronta, che ci permetterebbe di dar valore alle opere donate al comune dalla famiglia Giglioli ed alla collezione Bruchi, salvata dalla dispersione in seguito alla chiusura dello storico museo dell'alabastro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo pensato di dedicare tutto il secondo piano - aggiunge l’assessore al Turismo Gianni Baruffa - ad un vero e proprio museo dell'alabastro. Abbiamo pezzi unici da mettere in mostra, siamo sicuri che a questo punto il binomio palazzo dei Priori ed Alabastro possa essere sicuramente la massima espressione e la massima importanza che potevamo dare alla pietra degli dei. Sarebbe ottimo aprire il museo per la prossima stagione, ci impegneremo anche se sarà un impresa. Per artigianato e turismo l'apertura di un museo sull'alabastro all'interno del palazzo dei Priori sarà un arricchimento per tutta la città e il territorio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento