rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024

Vampiri, licantopi e draghi ospiti al Museo di Storia Naturale con 'Mythos. Creature fantastiche'

L'esposizione, a cura di Naturaliter e arricchita da scenografie e videoproiezioni originali, comprende oltre 30 esseri mitologici ospitati nei locali più antichi della Certosa di Calci

Miti, racconti leggendari e credenze popolari prendono forma con 'Mythos. Creature fantastiche', la mostra che dal 18 marzo e fino al 29 gennaio 2023 sarà ospitata al Museo di Storia Naturale dell’Università di Pisa, nei locali più antichi della Certosa di Calci. Un vero e proprio viaggio, curato da Naturaliter, nel mondo delle creature mitologiche. Sono oltre trenta quelle fedelmente ricostruite sulla base dei racconti di poeti, storici e naturalisti dell’antichità. Ogni sala è inoltre arricchita da scenografie, videoproiezioni originali e pannelli esplicativi. "Si parte da Thot, nell'antico Egitto - spiega Alessio Salvadori (Naturaliter) - per arrivare fino ai miti greci con l'Idra, ma sono presenti anche creature fantastiche (è il caso di un drago lungo ben 13 metri), unicorni, cavalli alati. E ancora creature entrate nel nostro immaginario in tempi più recenti, come vampiri, lincantropi e yeti". "La maggior parte delle figure - sottolinea Catia Morucci, Naturaliter - è stata realizzata con una tecnica mista tra scultura e tassidermia". Insomma, un approccio diverso al mondo animale, come spiega il direttore del Museo di Storia Naturale Damiano Marchi: "Al Museo lo studio degli animali avviene da un punto di vista scientifico, ma grazie a questo percorso si può scoprire anche un altra prospettiva. Spesso infatti gli animali entrano nel nostro immaginario collettivo e sono alla base di numerosi miti e leggende in cui realtà e fantasia si intrecciano". 

L’ingresso al Museo è contingentato ed è possibile esclusivamente tramite prenotazione online al link: https://www.msn.unipi.it/it/prenota-online/. Per l’accesso è richiesta la certificazione verde Covid-19 'rafforzata'.

Si parla di

Video popolari

PisaToday è in caricamento