Design e finiture per interni: il progetto 'del bello' firmato da Jacopo Devescovi

Lo scorso 15 luglio, in via Sant'Andrea 47, l'artigiano pisano ha aperto la sua officina artigianale Naturale Verticale: uno showoroom nel quale si possono trovare arredi di lusso e creazioni ispirate alla storia antica

"A chi mi chiede 'Ma chi te l'ha fatto fare di aprire un negozio così particolare in questo periodo', io rispondo che sono ispirato e guidato dal 'bello'. Amo le cose belle, fatte a regola d'arte, nelle quali si percepisce la passione dell'artigiano che le ha create". Jacopo Devescovi, trentenne dalla grande esperienza nel campo della vendita di materiali edili in tutta Italia, da poche settimane ha coronato una delle sue più grandi ambizioni: in via Sant'Andrea 47, in pieno centro, lo scorso 15 luglio ha aperto Naturale Verticale. Uno showroom nel quale si può osservare dal vivo il lavoro di Jacopo e del padre e toccare con mano i prodotti pensati per architetti e professionisti del settore arredamento e design.

"Ho cercato di costruire una bottega nella quale si possono trovare prodotti e creazioni differenti rispetto a ciò che si può reperire comunemente sul mercato" spiega l'artigiano pisano. "Ciò che guida le nostre produzioni è l'abbinamento di alcune tecniche antiche con la rivisitazione moderna, per soluzioni di lusso che possono essere adottate in tutte le abitazioni". All'interno del negozio di via Sant'Andrea si possono trovare tre differenti gamme di prodotti: le mattonelle, le composizioni e gli intonaci storici e artistici.
"Per le mattonelle mi sono fatto ispirare dal cotto antico toscano - spiega Jacopo - un prodotto più grezzo rispetto agli altri cotti italiani, tutti reperibili nello showroom. Disponiamo anche del cotto bianco, creato a partire dalla creta, e il cotto nero, basato sull'ossido di manganese. Un prodotto introvabile è il bucchero etrusco, prodotto con la medesima preparazione degli antichi Etruschi: presenta la caratteristica colorazione nera con venature metalliche".

L'area delle composizioni geometriche è invece composta da creazioni con tutti i tipi di piastrelle, "nei quali abbino materiali diversi: legno, marmo, cotto. I prodotti vengono realizzati con macchine tagliatrici ad acqua, che garantiscono assoluta precisione e cura del dettaglio. Si tratta di una produzione unica in Italia e moltissimi clienti hanno mostrato un grande interesse". Il terzo settore di prodotti offerti da Naturale Verticale è quello degli intonaci storici e artistici, divisi tra la preparazione ereditata dagli antichi Romani e quella tipicamente marocchina.
"Il cocciopesto dei Romani è un intonaco a base di calce naturale, sabbia e polvere di coccio - illustra Jacopo - l'intonaco viene levigato con un sapone di olive nere e un sasso e poi lucidato con la cera d'api. In questo modo ottiene la sua caratteristica principale: l'idrorepellenza. Infatti è un materiale adatto a tutte le superifici che rimangono a contatto con l'acqua, molto indicato per i bagni delle abitazioni". L'altra preparazione è quella presa in prestito dalla tradizione marocchina: "Il Tadelakt è un intonaco a base di calce di Marrakesh, che presenta una materia prima molto più grezza. La calce viene cotta in forno, dove si sbriciola lasciando alcuni sassolini non bruciati, che danno la caratteristica struttura cromatica all'intonaco. Anche in questo caso l'ultima parte della lavorazione è la levigatura con il sapone nero e il sasso: dopo 28 giorni di asciugatura viene passata la cera d'api".

"L'offerta del negozio, anche soltanto sulla spinta della curiosità, attrae diverse persone - conclude Jacopo Devescovi - sono consapevole che il periodo sia poco felice, ma gli investimenti sono supportati da una rete di vendita che si appoggia sui colleghi conosciuti nel mio precedente lavoro. La possibilità di presentare le nostre produzioni a livello nazionale sarà un ottimo traino in attesa che l'emergenza provocata dal Coronavirus termini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • In isolamento Covid da oltre un mese: limbo regolamentare per il 'positivo a lungo termine'

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento