rotate-mobile
Cronaca

No Tav pisana ferita gravemente in Val di Susa

Scontri a San Didero la sera di sabato, a farne le spese una 35enne residente in città

Un'antagonista 35enne residente a Pisa è rimasta ferita durante gli scontri di ieri sera, sabato 17 aprile 2021, a San Didero in Val di Susa. Il contesto è quello delle manifestazioni No Tav: poche ore prima si era tenuta una marcia pacifica "anti autoporto", in cui però non era mancato un raid in autostrada, con lancio di pietre, ferraglia e persino la posa di cavi d'acciaio, legati ai guardrail, ad altezza uomo. La donna, ricoverata all'ospedale Molinette di Torino, ha una frattura orbitale: la prognosi è di 25 giorni.

Da quanto si apprende, la 35enne avrebbe numerosi precedenti per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio, violenza privata e danneggiamento. Come hanno spiegato gli stessi attivisti durante una conferenza stampa, indetta al Polivalente di San Didero, "al termine della manifestazione, i No Tav si sono avvicinati al piazzale per portare un saluto ai presidianti che resitono ancora sul tetto. La reazione delle forze dell'ordine è stata come al solito spropositata, con un enorme lancio di lacrimogeni. Un'attivista No Tav è ora grave in ospedale dopo essere stata colpita da un lacrimogeno sparato ad altezza uomo dalle truppe di occupazione (le forze dell'ordine, ndr)".

Gli aggiornamenti su TorinoToday.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

No Tav pisana ferita gravemente in Val di Susa

PisaToday è in caricamento