rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca

Sicurezza, il questore: "Reati in calo, la movida non è questione di solo ordine pubblico"

Il dott. Gaetano Bonaccorso ha fatto un bilancio delle attività della Polizia per il 2021

I numeri, ma soprattutto l'impegno di apertura verso la comunità cittadina. Il questore di Pisa Gaetano Bonaccorso, in occasione della presentazione del calendario 2021 della Polizia e dei tradizionali auguri natalizi, ha tracciato un bilancio delle attività della Questura per il 2021, un anno ancora gravato dalla pandemia.

Il confronto è stato fatto in particolare con il 2019, dato l'impatto evidente che i lockdown hanno avuto sulle dinamiche sociali, e quindi anche criminali, nel 2020."Tutti o quasi i numeri sono in calo - ha esordito il questore - il quadro è positivo. Ma si deve andare anche al di là delle statistiche. Quest'anno ci siamo impegnati molto sul piano dei rapporti, per conoscere ed avvicinare la nostra attività ai bisogni della comunità. In questa ottica abbiamo avuto incontri con le università, con le associazioni di categoria, con i comitati ed i residenti, oltre alle scuole. Speriamo su questo fronte di migliorare ancora, per trovare soluzioni di lungo periodo a problemi come la movida. Una questione che, in tutta evidenza, non è solo di ordine pubblico". E infatti la logica della collaborazione la linea per arrivare ad una gestione del centro cittadino: "Tutte le componenti della città hanno bisogno l'una dell'altra, cioè commercianti, studenti, residenti. E' un difficile equilibrio, a volte si pensa di fare il proprio interesse ma così si va a distruggere il contesto generale, e quindi anche se stessi".

Dal punto di vista degli interventi di sicurezza, il 2021 è stato estremamente attivo. In particolare nel centro storico. "Le operazioni in strada, con controlli straordinari - ha spiegato Bonaccorso - sono state moltissime. Sono stati fatti 135 servizi straordinari in 365 giorni, quando nel 2019 erano stati 20, nel 2020 furono 42. Si è puntato molto sul coordinamento fra forze dell'ordine, aumentando la qualità stessa dei controlli". Una maggiore incidenza c'è stata anche sul fronte preventivo: "L'Ufficio Immigrazione ha concretizzato 39 espulsioni con accompagnamento ai centri per il rimpatrio, nel 2020 erano state 26, più 4 accompagnamenti alla frontiera. Si parla di 'soggetti qualificati', chi insomma determina una rilevante alterazione dell'ordine pubblico. Il reparto anticrimine ha sfruttato la misura del Daspo Willy, così come si è cercata la maggiore diffusione e condivisione possibile per le operazioni del reparto di polizia amministrativa e sociale. E' un lavoro lungo e faticoso, per il quale non posso che ringraziare le donne e gli uomini della Polizia e delle forze dell'ordine tutte".

Il questore di Pisa ha poi tracciato un quadro sul calo dei reati, fornendo alcune indicazioni percentuali: "Sempre rispetto il 2019, i furti in generare si sono ridotti del 36%, le rapine del 20%. Anche i reati in materia di stupefacenti sono calati del 38%". Per quanto riguarda il dettaglio dei reati predatori, Bonaccorso ha specificato: "Per i furti in abitazione c'è stato il -20,84%, furti su auto -34,20%, furti con destrezza (borseggi) -60%. Sono aumentati i furti con strappo (scippi), +36%".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, il questore: "Reati in calo, la movida non è questione di solo ordine pubblico"

PisaToday è in caricamento