Fiab Pisa: "Nuova rotatoria a Ghezzano: e le bici?"

FIAB Pisa scrive alla Provincia per chiedere che la nuova rotatoria di Ghezzano, attualmente in fase di progettazione, venga dotata di un anello ciclabile.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Apprendiamo dalla stampa che la Provincia di Pisa ha ottenuto il finanziamento per la rotatoria in progetto sulla Via Calcesana, all’intersezione con Via dei Condotti. La nuova opera sorgerà in zona densamente abitata, e con numerosi esercizi commerciali, dove attualmente la mobilità ciclistica e pedonale sono fortemente penalizzate da un assetto viario che dà la priorità al traffico motorizzato. Siamo quindi fiduciosi che la nuova rotatoria non costituirà un ulteriore ostacolo per la mobilità ciclistica, come purtroppo è successo con molte altre opere degli anni passati, ma al contrario sarà l’occasione per incentivare l’utilizzo della bici soprattutto da parte di pendolari e studenti. A questo proposito ricordiamo l’obbligo previsto dagli art. 13 e 14 del Codice della Strada di realizzare una pista ciclabile adiacente ogni volta che si costruisce una nuova strada o si interviene sulla rete esistente: è chiaro come questa norma non sia un inutile vincolo burocratico ma anzi rappresenti un forte stimolo a non sprecare un’opportunità preziosa. Nel caso di specie, chiediamo che la progettazione preveda un anello ciclopedonale esterno e separato dalla sede stradale, continuo, largo mt. 4, sul modello della vicina rotatoria all’intersezione tra Via Bargagna e Via Frascani, Comune di Pisa. Attesi i grandi spazi disponibili, ed il contesto urbano, non ci sono ostacoli all’inserimento di un anello ciclabile. Anzi: riprogettare la rotatoria riducendo lo spazio dedicato alle auto permette di ottenere un importante effetto di moderazione del traffico, essenziale per mettere in sicurezza i passaggi pedonali e per ridurre drasticamente l’incidenza dei sinistri. Nell’immediato l’anello ciclopedonale esterno servirà a valorizzare la pista ciclabile già presente lungo l’Acquedotto Mediceo collegandola in maniera sicura con l’insediamento di Praticelli; in futuro consentirà di progettare piste ciclabili sulla Via Calcesana e sulle altre strade vicine. Fiab Pisa è naturalmente disponibile al confronto ed alla collaborazione.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento