rotate-mobile
Giovedì, 7 Luglio 2022
Cronaca

Commercio: nel nuovo piano delle aree pubbliche anche un mercato al Cep

Lo strumento di pianificazione ha l’obiettivo del rilancio del commercio ambulante con la nuova regolamentazione di mercati e fiere cittadini

Andrà in Consiglio comunale il prossimo 25 gennaio la proposta di approvazione del nuovo Piano del commercio su aree pubbliche, e relativo regolamento, del Comune di Pisa, in sostituzione del vecchio piano che risale al 2001. Lo strumento di pianificazione ha l’obiettivo del rilancio del commercio ambulante con la nuova regolamentazione di mercati e fiere cittadini, la previsione di nuovi appuntamenti e una definitiva soluzione per il mercato del Duomo che assume la nuova denominazione di 'Mercato delle aree limitrofe al Duomo'.

"Con il nuovo Piano del commercio sulle aree pubbliche abbiamo finalmente dato alla città uno strumento concreto di pianificazione di un settore che non era aggiornato da vent’anni - dice il sindaco di Pisa Michele Conti - dal 2001, infatti, anno dell’ultimo Piano, è cambiato il mondo, così come il sistema del commercio e le abitudini dei consumatori. Era pertanto necessario ridefinire il settore per permettere alle imprese di poter pianificare le loro attività, garantendo regole certe anche per fare investimenti in favore della qualità. Al contempo, ne gioveranno i cittadini pisani che potranno avere un’offerta sempre più all’altezza delle loro necessità. Mi auguro che la nuova programmazione del commercio ambulante possa contribuire a rafforzare quel rapporto di fiducia tra cittadini e sistema del commercio che a Pisa ha una lunga e consolidata tradizione, e che è complementare con il commercio fisso, garantendo un servizio ad alcune fasce di popolazione, penso ai più anziani, e in alcune zone dela città non completamente coperte dalla rete dei negozi. Anche per questo è stato previsto un nuovo appuntamento settimanale al Cep. Con questo documento, che tiene conto dell’interesse collettivo, trova risposta anche la questione del mercato storico del Duomo, che si inserirà in un contesto di riqualificazione complessiva della zona adiacente dell’area monumentale, al di fuori della quale troveranno collocazione i banchi dei commercianti, come previsto anche dal Piano di gestione Unesco adottato recentemente dalla nostra amministrazione".

"Siamo riusciti a portare a conclusione il percorso del nuovo Piano del commercio su aree pubbliche e del relativo regolamento - dice l’assessore al Commercio Paolo Pesciatini - dopo oltre un anno di intenso lavoro, che non si è sospeso nemmeno nel 2020 a causa del Covid, con gli uffici, la società incaricata, e con il confronto continuo e assiduo con le associazioni di categoria che con le loro osservazioni hanno contribuito al miglioramento finale del documento. Il settore, malgrado l’importanza economica, da oltre venti anni non era soggetto a pianificazione. Questa amministrazione invece intende valorizzarne il ruolo e rilanciare il settore, per questo abbiamo redatto un Piano che prevede nuove attività ambulanti sia nei posteggi lasciati senza concessione nei mercati esistenti sia prevedendo nuovi mercati, come quello al Cep. Ma abbiamo anche previsto nuove categorie merceologiche che siano di richiamo per l’utenza all’interno dei vari mercati, incentivando ad esempio la vendita di prodotti da filiera corta e prodotti tipici locali, come in Sant’Omobono e via Cavalca. Inoltre, le attività sono considerate per il loro importante ruolo anche sociale".

Si tratta di un Piano dalle caratteristiche espansive, con riferimento a nuove categorie merceologiche, alla possibilità di nuove attività ambulanti nei posteggi senza concessione nei mercati, sia in nuovi mercati che nei posteggi fuori mercato di cui è stata fatta accurata revisione. Tutti i posti liberi saranno attribuiti mediante bandi pubblici. Tra le principali novità viene previsto un nuovo mercato nel quartiere Cep, una fiera del libro, la valorizzazione di quelle esistenti dell’antiquariato e di Natale. Le aree pubbliche individuate sono interessate da progetti di rivitalizzazione commerciale, a significare il loro fondamentale ruolo sociale, ad esempio il centro commerciale naturale Vettovaglie; oppure sono inserite in specifici piani di riqualificazione urbanistica, ad esempio il mercato di Pisanova e il mercato di San Martino; il mercato delle aree limitrofe al Duomo con la riqualificazione delle aree e percorsi.

L’aggiunta dei posteggi è stata prevista dove vi è effettiva richiesta, legata ad esempio a nuove e necessarie merceologie, alimentari e non, ad esempio in San Martino, Pisanova, mercato Sant’Omobono, mercato Paparelli e periferici. Tutti i posteggi disponibili saranno assegnati tramite bando pubblico, ad esclusione del mercato delle aree limitrofe al Duomo dove non saranno rimessi a bando eventuali posteggi che saranno liberati. Le nuove concessioni potranno essere legate a indicazioni di specialità merceologiche di possibile richiamo per l’utenza in quanto non presenti in alcuni dei mercati cittadini e del litorale, incentivando la vendita di merci derivanti da filiera corta e prodotti tipici locali, ad esempio in Vettovaglie e al mercato San Martino. Con riferimento a manifestazioni straordinarie, il nuovo Piano prevede il rilancio della fiera dell’Antiquariato, della fiera di Natale e della nuova Fiera del Libro, affidandone la gestione all’esterno tramite bandi pubblici.

Altro aspetto qualificante del nuovo Piano è l’allungamento della stagionalità delle manifestazioni. In base alle indicazioni regionali per le aree turistiche, è stato allungato lo svolgimento estivo dall’inizio di maggio fino alla fine di settembre per i mercati estivi di Tirrenia e Marina di Pisa, con la previsione di un mercato sperimentale invernale a Tirrenia. Configurazione ex novo per l’attuale mercato di piazza Duomo che assume la denominazione di 'Mercato delle aree limitrofe a piazza Duomo', dopo un lunghissimo processo, già in essere ai tempi dell’approvazione del Piano del 2001, e che non può prescindere, in particolare, dalle risultanze finali di detto percorso, ovvero: dai lavori del Comitato interistituzionale per il decoro, ad esito e per effetto dell’art. 52 del DLgs n. 42/2004, 'Codice BB.CC. e del paesaggio', in seguito all’Intesa tra Comune di Pisa, MiBACT, Regione Toscana, Provincia, Opera Primaziale Pisana, sottoscritta il 19/06/14 per l’aggiornamento e l’attuazione del Piano di Gestione relativo al sito Unesco di Piazza Duomo; dalla successiva intesa tra Comune di Pisa, MiBACTe Regione Toscana sottoscritta il 28/09/15 per l’attuazione dell’art. 52, comma 1-ter, del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio che, appunto, istituiva il Comitato succitato affidandogli il ruolo di stabilire gli usi incompatibili con la tutela culturale del sito Unesco di Piazza Duomo e della buffer zone per la salvaguardia del sito nelle more del recepmento dell’Intesa negli atti di programmazione dell’amministrazione, dal piano di gestione Unesco stesso, approvato dal comitato di Pilotaggio in data 12 marzo 2021, trasmesso al Centro Patrimonio Mondiale dell'UNESCO il 20 maggio u.s. e attualmente in attesa di approvazione.

Dati demografici e del commercio

In tema di commercio negli ultimi anni si è assistito (dati Camera di Commercio) a un lento ma costante calo degli esercizi commerciali in sede fissa di circa il 6,5% (da 1.670 del 2010 a 1.562 del 2020). L’andamento, delle tipologie di vendita è completamente differente, infatti, sempre nell’ultimo decennio, si è avuto un netto calo del -8,1% delle attività che vendono generi non alimentari, mentre le attività di generi alimentari hanno registrato una sostanziale tenuta con una lieve crescita del +3,4%. Il commercio ambulante, oggetto specifico del Piano, negli ultimi anni, ha conosciuto una tendenza leggermente in decrescita ma nel decennio 2010-20 il numero di iscrizioni in CCIAA è cresciuto di quasi il 7%; tuttavia la sua crescita non è stata costante negli anni, con un arresto a partire dal 2015, anno in cui ha registrato il picco numerico di 721 iscrizioni camerali, perdendo via via consistenza negli ultimi cinque anni (588 imprese nel 2020).

Il nuovo mercato nelle aree limitrofe alla piazza del Duomo è dislocato nelle seguenti aree: Largo Cocco Griffi, via Contessa Matilde, piazza Manin, area prospiciente via Cammeo, porzione di via S. Maria, porzione di via Cardinale Maffi, parcheggio scambiatore via Pietrasantina, parcheggio scambiatore adiacente il ristorante universitario di via Cammeo.  Le aree sopradette sono interessate dal progetto complessivo di riqualificazione urbana che investe tutta l’area nord ovest, oggetto di finanziamenti nell’ambito del programma nazionale della qualità dell’abitare (PINQUA). I posteggi previsti confermano il plateatico attuale di 87 postazioni, nonché i posteggi per i cosìdetti gelatai. Le postazioni di tipo fisso saranno realizzate dall’Amministrazione Comunale al fine di migliorare il decoro e l’attrattività di questo mercato. In seguito alla nuova dislocazione del mercato, è prevista la riassegnazione dei posteggi con possibilità di rottamazione delle concessioni per coloro che aderiranno ad apposito Bando del Comune di Pisa.

Per migliorare il decoro e l’attrattività di questo mercato, l’amministrazione comunale realizzerà e metterà a disposizione degli operatori, delle strutture fisse di vendita nelle quali esercitare l’attività. A fronte di questo investimento sarà richiesto un canone concessorio di locazione. I lavori di realizzazione e riqualificazione dell’area mercatale, per limitare il più possibile l’impatto sugli operatori, saranno articolati in tre lotti distinti, con conseguente spostamenti temporaneo dei posteggi rispettivamente interessati in area compatibile, per il tempo strettamente necessario alla realizzazione del singolo lotto. Salvo il periodo dei lavori gli operatori resteranno posizionati dove si trovano attualmente fino alla definitiva chiusura degli stessi. Diversamente da quanto previsto per gli altri mercati, eventuali posteggi che si libereranno in questo mercato non saranno rimessi a bando. Le autorizzazioni-concessioni in essere saranno rinnovate sul nuovo posteggio nella nuova area, previa approvazione di una graduatoria di anzianità riferita alla presenza sul mercato tra gli operatori dell’attuale mercato del Duomo, sulla base della quale essi saranno chiamati a scegliere la nuova posizione.

Mercato di Riglione. Si conferma il mercato nella sua attuale posizione in piazza D’Antona a seguito del suo spostamento da via Monterotondo confermando il numero dei posteggi pari a 11.
Mercato di Pisanova. E' previsto il suo spostamento da via Pardi all’attuale parcheggio di via Frascani. Il numero dei posteggi è stato portato a 25 rispetto a quello attuale di 19.
Mercato di San Martino. Si conferma il mercato nella sua attuale posizione in via S. Martino e via Ceci con un numero di posteggi pari a 30 rispetto ai 35 attuali previsti. I posteggi attuali occupati risultano 20.
Mercato di via Paparelli. Attualmente il mercato di via Paparelli risulta un mercato bisettimanale unico che si svolge il mercoledì e il sabato. A seguito delle richieste delle associazioni è stato previsto un mercato per il mercoledì e un mercato per il sabato, che risulteranno con presenze e posteggi occupati sulla base di autorizzazioni autonome. Per il mercato del mercoledì è previsto un numero di posteggi pari a 230 rispetto ai 248 previsti attualmente. Per quello del sabato è previsto un numero di posteggi pari a 240 rispetto ai 248 previsti attualmente.
Mercato di piazza delle Vettovaglie. Si conferma il mercato nella sua attuale posizione in piazza delle Vettovaglie confermando un numero di posteggi pari a 6.
Mercato di piazza Sant’Omobono. Si conferma il mercato di piazza S. Omobono e via Cavalca con una previsione di 15 posteggi, di cui attualmente occupati pari a 6 con la previsione di un ulteriore posteggio in via S. Francesco attualmente già occupato.
Mercato I Passi. Si conferma il mercato dei Passi con la previsione di 4 posteggi.
Mercato di Ospedaletto. E' confermato il mercato nel parcheggio della frazione di Ospedaletto con la previsione di 5 posteggi rispetto a quelli attualmente previsti pari a 3.
Mercato di Putignano. E' confermato il mercato nella piazza della frazione di Putignano con la previsione di 10 posteggi rispetto a quelli attualmente previsti pari a 7.
Mercato del Cep. Il mercato del Cep è un nuovo mercato previsto in via sperimentale nella piazza S. Ranieri limitrofa alla chiesa omonima. I posteggi previsti risultano pari a 10.
Mercati stagionali sul litorale con ampliamento stagionalità. I mercati estivi si svolgeranno dal 1 maggio al 30 settembre, quelli invernali da 1 ottobre al 31 maggio. Mercato di Marina (invernale): è confermato il mercato che si svolge il martedì in via Don Callisto Mander e piazza Santa Maria Ausiliatrice con la previsione di 32 posteggi. Mercato di Marina (estivo): è confermato il mercato che si svolge la domenica sulla via Litoranea con la previsione di 93 posteggi. Mercato di Tirrenia (estivo): è confermato il mercato che si svolge il martedì in via dei Fiori e piazza dei Fiori con la previsione di 96 posteggi.

Fiera Primo Maggio. Si conferma la fiera nella sua attuale posizione a Tirrenia sulla via Litoranea e in Piazza dei Fiori con una previsione di 206 posteggi.
Fiera di Sant’Ubaldo. Si conferma la Fiera di Sant’Ubaldo nella sua attuale posizione sul viale delle Piagge con una previsione di 77 posteggi. E' stato previsto il proseguimento e la collaborazione con il comitato 'Le Piagge'.
Fiera Luminaria di San Ranieri. Sono previste modifiche di ubicazione dei posteggi per motivi legati a garantire la sicurezza e per valorizzare l’impianto scenografico della Luminaria. E' previsto un plateatico dei posteggi pari a 67 rispetto ai 74 attuali.
Fiera di San Ranieri. E' prevista un’ubicazione della Fiera nella parte prestigiosa e monumentale del centro storico nella piazza dei Cavalieri, in parte nella via U. Dini, via Corsica e parte di via S. Maria con un plateatico di 60 posteggi. A seguito degli interventi di riqualificazione realizzati che hanno comportato alcune modifiche alla mobilità e alla circolazione è stato previsto un plateatico pari a 60 posteggi rispetto ai 118.
Fiera Regata di San Ranieri. Sono previste modifiche di ubicazione a seguito di trasformazioni dello stato dei luoghi e per garantire la sicurezza con la previsione di un plateatico di 20 posteggi che risultano attualmente attivi.
Fiera delle Regate delle Repubbliche. Sono previste modifiche di ubicazione a seguito di trasformazione dello stato dei luoghi e per garantire la sicurezza con la previsione dello stesso plateatico per un numero di posteggi pari a 16.
Fiera del Gioco del Ponte. Sono previste modifiche di ubicazione a seguito di trasformazioni dello stato dei luoghi e per garantire la sicurezza con la previsione di un plateatico di 11 postazioni.

Con affidamento della gestione all’esterno, tramite bando, le fiere previste da rilanciare sono: Fiera Ascensione, Fiera Antiquariato, modernariato e artigianato artistico e Mercato di Natale. E' prevista una nuova fiera del Libro e del collezionismo cartaceo. Le fiere eliminate risultano: Fiera di S. Valentino, Festa della Donna, Fiera Festa dell’aria, Fiera Forze Armate e Fiera Commemorazione dei defunti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercio: nel nuovo piano delle aree pubbliche anche un mercato al Cep

PisaToday è in caricamento