Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Cep, occupato un alloggio popolare: i condomini chiedono lo sgombero

I residenti del complesso, evidentemente esasperati dalla situazione di degrado che si è verificata nel tempo, scrivono alle istituzioni chiedendo un intervento rapido e risolutore

"Chiediamo che sia effettuato un immediato sopralluogo per motivi di sicurezza nell'appartamento più volte salito agli onori delle cronache, anche nazionali, per i vari episodi". Inizia così la lettera che i condomini di un complesso popolare del Cep hanno mandato a Comune di Pisa, Apes, Società della Salute, Prefettura, Questura e Carabinieri per chiederne lo sgombero da occupanti abusivi.

"Da qualche giorno - si legge - l'alloggio è stato occupato da una schiera di abusivi non ancora identificati, che hanno dichiarato di essere entrati in possesso delle chiavi dal capofamiglia che, nel frattempo, ha rinunciato all'alloggio rendendosi irreperibile. Lo stesso risulta infatti averne perso il diritto sia per morosità che per irreperibilità". Da quanto si apprende dai condomini la casa era stata assegnata più di dieci anni fa, nell'ambito del progetto 'Città sottili', a una numerosa famiglia di origine macedone che, nel tempo, avrebbe "collezionato arresti, denunce e danneggiamenti, evasioni dai domiciliari e chi più ne ha più ne metta".

Gli uffici dell'Apes sarebbero pieni di lettere-denunce dei residenti per "atti vandalici, tentativi di effrazione, ripetuti furti". Alcuni anni fa ci fu anche "una denuncia a carico di uno dei figli, per sottrazione di minore, sporta dalla madre di una ragazzina minorenne pisana che scomparve da casa con lui, e di cui si occupò anche la trasmissione tv Chi l'ha visto".

"Da qualche settimana l’appartamento era finalmente rientrato nella disponibilità di Apes - proseguono i condomini - che dovrà sobbarcarsi lavori di ristrutturazione molto onerosi prima di poterlo nuovamente assegnare, visto lo stato fatiscente. Invece, da qualche giorno, la beffa. Ignoti ne hanno preso possesso dichiarandosi in possesso, illegittimo, delle chiavi. Oltretutto il portone dell'appartamento è stato danneggiato vistosamente dal momento che nei mesi scorsi, nel cuore della notte, ogni notte il capofamiglia cominciava a colpire vigorosamente la serratura con chiodi e martello per evitare che uno dei figli potesse accedervi".

"Chiediamo con forza - concludono i residenti - che l'ingresso venga murato in attesa dell'inizio dei lavori di ristrutturazione, onde evitare occupazioni abusive future. In assenza di un intervento immediato da parte delle autorità competenti, i proprietari e assegnatari degli alloggi dell'edificio in questione si riservano di adire alle vie legali nei confronti di tutti i soggetti ritenuti responsabili di questa situazione che si protrae da anni, per tutelare i propri interessi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cep, occupato un alloggio popolare: i condomini chiedono lo sgombero

PisaToday è in caricamento