Cronaca

Tentano di occupare una casa popolare: denunciati tre giovani

L'assessore Zambito sottolinea che occupare un alloggio popolare lede i diritti delle famiglie inserite regolarmente in graduatoria

E' stato sventato ieri, lunedì 11 settembre, grazie all’intervento della Polizia Municipale, tempestivamente chiamata a supporto del personale APES, il tentativo di occupazione abusiva da parte di tre giovani di un alloggio popolare: erano entrati forzando la serratura. Lo rende noto l'amministrazione comunale. Per questo appartamento sono in corso le procedure per l’assegnazione ad una famiglia regolarmente inserita nella graduatoria.

"Occupare le case popolari è sbagliato e lede i diritti delle famiglie bisognose che hanno fatto regolarmente richiesta e sono inserite in graduatoria - spiega l’assessore alle Politiche Abitative Ylenia Zambito - inoltre chi occupa viene denunciato d’ufficio per invasione di edificio".
Per quanto riguarda le case di resulta, cioè gli appartamenti che si liberano e devono essere ristrutturati prima di essere riassegnati (costo medio 10-15mila euro ad alloggio) "da inizio dell’anno ne abbiamo rimessi a posto e assegnati 50. Per altri 7 i lavori sono in corso. Inoltre saranno rimessi a posti 10 alloggi a Sant’Ermete per l’emergenza abitativa. Per i restanti 57 alloggi rimasti sono appena arrivati i finanziamenti regionali con cui li rimetteremo a posto".
Per prevenire le occupazioni di tali alloggi, nel corso delle relative procedure, gli stessi sono soggetti a costante vigilanza al fine di evitare fenomeni analoghi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentano di occupare una casa popolare: denunciati tre giovani

PisaToday è in caricamento