rotate-mobile
Cronaca Piazza dei Cavalieri

Dsu occupato, l'Azienda: "Strumenti illegali, necessaria la liberazione degli spazi"

Dopo l'occupazione da parte degli attivisti del Progetto Prendocasa, interviene l'Azienda per il Diritto allo Studio che sottolinea l'interruzione dell'attività e la necessità di tornare al più presto nella disponibilità degli uffici

Alcune precisazioni arrivano dal DSU Toscana in seguito all'occupazione della sede di Piazza dei Cavalieri da parte degli attivisti del Progetto Prendocasa, per protestare contro la richiesta avanzata dallo stesso Diritto allo Studio all'Ufficio Anagrafe del Comune di applicare l'articolo 5 del piano casa varato da Renzi il 28 marzo scorso, norma che prevede che "chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge". In base a questo provvedimento dunque alcuni nuclei familiari che occupano lo stabile di via dell'Occhio potrebbero ritrovarsi con le utenze staccate.

"La richiesta - precisano dal DSU - era relativa alla Residenza Universitaria di via dell'Occhio che si trova in stato di occupazione ed era motivata dalla necessità di completare gli interventi per la messa in sicurezza della Residenza Universitaria dopo il crollo di parte della copertura dell'edificio e dare seguito alle misure per il rilascio dell’immobile, la cui permuta contribuirà al pagamento di parte del prezzo dei lavori della nuova Residenza San Cataldo, che ospiterà 240 studenti universitari capaci e meritevoli ma privi di mezzi ai sensi dell'art. 34 della Costituzione".

"Pur non essendosi modificata allo stato alcuna situazione (si tratta infatti dell'apertura di un procedimento amministrativo in applicazione di una nuova norma di legge) - proseguono dal DSU - circa 30 persone hanno occupato questa mattina la Direzione del DSU di Pisa in Piazza dei Cavalieri, impedendo il normale funzionamento degli Uffici e chiedendo la revoca della richiesta emessa. L'occupazione della Direzione del DSU di Pisa sembra volersi protrarre sottraendo alla disponibilità dell'Azienda pubblica l'immobile".

Il DSU, fanno sapere dall'Azienda, non può accettare che singoli soggetti limitino o influenzino le proprie attività attraverso il ricorso a strumenti illegali quali l'occupazione dei propri uffici e servizi, dal momento che esistono gli strumenti di partecipazione democratica ai propri percorsi decisionali (gli studenti universitari stessi eleggono un terzo del consiglio di amministrazione, ad esempio).

Per questo il DSU chiede con forza che la Direzione di Piazza Cavalieri rientri al più presto nella disponibilità di quanti, lavorando in Azienda, esercitano un ruolo fondamentale per la tutela dei bisogni degli studenti universitari.

 

Potrebbe interessarti: https://www.pisatoday.it/cronaca/occupazione-dsu-pisa-11-aprile-2014.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PisaToday/163307690398788

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dsu occupato, l'Azienda: "Strumenti illegali, necessaria la liberazione degli spazi"

PisaToday è in caricamento