Cronaca

Aeroporto: la multinazionale argentina punta a gestire i due scali toscani

Corporacion America, gruppo multinazionale argentino leader del settore e già azionista dei due aeroporti, vuole acquisire il controllo dei due scali e gestirli in modo integrato

Corporacion America lancia un'Opa sugli aeroporti di Firenze e Pisa. Lo comunica la multinazionale argentina, che ha già il 33,4% del capitale dello scalo fiorentino e il 27,3% di quello pisano. Obiettivo delle due operazioni è "promuovere l'integrazione e lo sviluppo del sistema aeroportuale toscano", che oggi rappresenta il quarto polo aeroportuale del Paese.

Corporacion America punta a "promuovere una gestione unica dei due poli aeroportuali anche tramite operazioni di integrazione industriale o societaria come previsto nel piano nazionale degli aeroporti", che prevede l'inserimento degli scali di Pisa e Firenze tra gli aeroporti di interesse nazionale strategico a condizione che ci sia una gestione unica.

Corporacion America è un gruppo multinazionale argentino attivo nel business aeroportuale, nelle infrastrutture, nell'energia, nei servizi e nel settore agro-industriale. La società gestisce 51 concessioni di terminal aeroportuali in Sudamerica (Argentina, Brasile, Ecuador, Perù, Uruguay) e in Europa (tra cui gli aeroporti di Trapani e di Yerevan in Armenia), è concessionaria di oltre 1.200 chilometri di rete stradale in Argentina e costruttore di opere stradali, piste di atterraggio e terminal aeroportuali.

Il gruppo gestisce ogni anno oltre 55 milioni di passeggeri ed è il primo operatore al mondo nel settore aeroportuale a capitale totalmente privato, e il decimo complessivamente per numero di passeggeri a livello mondiale. Corporacion America "è specializzata nella gestione di aeroporti di media e piccola taglia e nella gestione di sistemi aeroportuali (come quello toscano, costituito dagli aeroporti di Pisa e Firenze)".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto: la multinazionale argentina punta a gestire i due scali toscani

PisaToday è in caricamento