Cronaca

Omicidio-suicidio di San Miniato: si cercano conferme dalle autopsie

Gli accertamenti eseguiti potranno aiutare gli inquirenti a stabilire l'esatta dinamica dei fatti

Si attendono i risultati di autopsie ed esami balistici per stabilire esattamente cosa sia successo la notte fra il 25 ed il 26 maggio, quando il 25enne Federico Zini ha sparato ed ucciso l'ex fidanzata di 30 anni Elisa Amato. 

Gli accertamenti devono fornire agli inquirenti i dettagli per confermare la ricostruzione investigativa delineata in questi giorni. Secondo quanto emerso fino ad ora Elisa è stata raggiunta da due colpi di pistola al corpo, esplosi probabilmente non molto dopo l'incontro ed il litigio fra i due, quando ancora si trovavano a Prato dove lei abitava.

Se questo accadeva intorno alle 3 di mattina, poi c'è stato il tragitto di Federico fino al luogo del ritrovamento della macchina con i due cadaveri, in via Fornace Vecchia a San Miniato. E' qua che il giovane si è tolto la vita con un colpo alla testa, dopo un primo tentativo dove si sarebbe ferito lievemente. I funerali del giovane si terranno sabato 2 giugno alle ore 16 nella chiesa di San Pietro a Balconevisi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio-suicidio di San Miniato: si cercano conferme dalle autopsie

PisaToday è in caricamento