Cronaca

'One Billion Rising' a Vecchiano: si balla in piazza per dire no alla violenza sulle donne

L'appuntamento è per il 14 febbraio in Piazza Pasolini. Possibilità di imparare la coreografia

'One Billion Rising' sbarca a Vecchiano: venerdì 14 febbraio alle 17.30 nella Piazza Pasolini di Vecchiano si svolgerà il consueto appuntamento collegato alla famosa campagna internazionale del movimento V-Day, ispirata al film documentario 'V-Day: Until the Violence Stops', destinata a combattere la violenza su donne e bambine.

“Le Nazioni Unite stimano che una donna su tre sul pianeta sarà picchiata o stuprata nel corso della vita: questo significa che in totale subiranno violenza un miliardo di donne e bambine. Non solo: già questo inizio di 2020 ha già evidenziato quanto la violenza contro le donne e femminicidi rappresentino una emergenza nazionale, così definita anche da Giovanni Salvi, Procuratore Generale della Cassazione, nella sua relazione all’anno giudiziario a fine gennaio scorso, all’indomani di una avvenuta scia di sangue che ha prodotto un bilancio orribile, con cinque donne uccise in due giorni, sei in una settimana, più il cadavere di una donna ritrovato dopo mesi e il fidanzato arrestato. Tutte le istituzioni possono e devono, anche nel loro piccolo, inculcare una cultura che ribalti questi fenomeni” afferma il sindacodi Vecchiano Massimiliano Angori.

"'One Billion Rising' è infatti la più grande azione di massa della storia umana, organizzata in molti paesi del mondo il 14 febbraio di ogni anno a partire dal 2013, ed invita, in modo pacifico, la popolazione a scendere nelle piazze a ballare sulle note della canzone 'Break the Chain', per dire no alla violenza contro le donne e le bambine" aggiunge il primo cittadino.
“Il Comune di Vecchiano è impegnato, in collaborazione con la Consulta Comunale per le Pari Opportunità, a portare l’attenzione sui temi ed i problemi legati alle tematiche di genere e alla violenza sulle donne - aggiunge l’assessore alle Pari Opportunità, Lara Biondi - la nostra amministrazione comunale condivide, infatti, la motivazione basilare di One Billion Rising, così come sinteticamente espressa nelle parole della sua ideatrice Eve Ensler 'Un miliardo di donne violate è un’atrocità, un miliardo di donne che ballano è una rivoluzione. Ballare significa libertà del corpo, della mente e dell’anima. È un atto celebrativo di ribellione, in antitesi con le forme oppressive delle costrizioni patriarcali'. Per queste ragioni abbiamo deciso di aderire anche per il 2020 a questa campagna, organizzando un flash-mob a Vecchiano per il 14 febbraio, con la partecipazione della scuola di danza 'Petite Danseuse' di Nodica. La scuola di danza 'Petite Danseuse' di Nodica si è offerta per insegnare, a titolo gratuito, la coreografia a tutti coloro che desiderano partecipare a tale manifestazione mondiale” aggiunge l’assessore Biondi.

Nello specifico, lunedì 10 febbraio alle 21.00 presso i locali della scuola stessa, appuntamento con le prove della coreografia.

“Un sentito ringraziamento alla 'Petite Danseuse' per aver accettato di collaborare con entusiasmo alla realizzazione di questa iniziativa” concludono il sindaco Angori e l’assessore Biondi.

Tutti i dettagli sono disponibili sul sito www.comune.vecchiano.pi.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'One Billion Rising' a Vecchiano: si balla in piazza per dire no alla violenza sulle donne

PisaToday è in caricamento