Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Cisanello / Via Italo Bargagna

Parco delle Torri e Frati Bigi: il Genio Civile esclude problemi strutturali

Dopo il sopralluogo dei Vigili del Fuoco alle Torri di Bulgarella, il sindaco intima alla proprietà la messa in sicurezza dell'area con il ripristino delle recinzioni e il prosciugamento del bacino d'acqua

“Ripristinare entro cinque giorni l’integrità della rete al fine di scoraggiare l’accesso di persone estranee”. E' quanto intima l’ordinanza del sindaco Marco Filippeschi emessa mercoledì 9 marzo alla proprietà, la società 'Edilcentro srl', sulla base di quanto prescritto dai Vigili del Fuoco, per quanto riguarda il parco delle torri di via Bargagna. Il sopralluogo dei pompieri del 2 marzo infatti ha rilevato che la rete di “recinzione è priva di discontinuità, ma in alcuni tratti vi sono evidenti segni di deformazione causata da reiterati accessi da parte di estranei”. Inoltre il sindaco, che, come sottolineano dal Comune, con lettera del 3 novembre, aveva fatto richiesta a Vigili del Fuoco e Genio Civile di accertare eventuali situazioni di pericolo per la pubblica incolumità sia alle Torri di Bulgarella che ai Frati Bigi, sempre in base alle prescrizioni dei Vigili del Fuoco, ordina di “prosciugare il bacino d’acqua formatasi nell’area di fondazione” in seguito alle ultime piogge, “oppure di recintare la zona con una ringhiera alta un metro, entro dieci giorni”. I Vigili del Fuoco hanno segnalato infatti “la pericolosità della presenza d’acqua per quanti accedono al cantiere anche abusivamente”.

Per quanto riguarda l’accertamento del Genio Civile del 20 novembre, sia al cantiere del Parco delle Torri sia ai Frati Bigi, fanno sapere sempre dall'amministrazione comunale, non ha rilevato problemi strutturali. Nello specifico: per i Frati Bigi “gli atti attestano la conformità del progetto e dell’opera alle prescrizioni antisismiche ed alle prescrizioni relative alle opere di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso ed a struttura metallica”. Per le “Torri di via Bargagna”, “dalla verifica sul progetto strutturale non sono emerse sostanziali inosservanze delle normative di riferimento” fermo restando che “la conformità del progetto e dell’opera dovrà essere attestata dalla relazione a strutture ultimate e dal collaudo”.parco delle torri bulgarella-2

"Grazie alla segnalazione fatta da nostri consiglieri comunali lo scorso 29 febbraio i Vigili del Fuoco il 2 marzo hanno fatto un sopralluogo al Parco delle Torri di Bulgarella diventato ormai una piscina a cielo aperto, hanno constatato una situazione di rischio per l'incolumità pubblica, come del resto avevamo denunciato già nelle scorse settimane" affermano dalla lista Una città in comune-Prc.  "E' inammissibile che l'imprenditore Bulgarella possa lasciare per mesi e mesi un cantiere in un simile stato, oggi lo ha certificato anche un organo competente - proseguono - grazie a questa nostra azione di denuncia, e al conseguente verbale dei Vigili del Fuoco, l'amministrazione Filippeschi, che fino ad oggi aveva fatto finta che quello scempio non esistesse, è stata costretta a intervenire nei confronti di Bulgarella intimando il ripristino di tutte le condizioni di sicurezza del cantiere entro 10 giorni".

"Siamo consapevoli che Bulgarella è 'allergico' al rispetto delle scadenze e dei termini perentori, dalla consegna di fideiussioni non tossiche (5 milioni di euro) al pagamento delle imposte (6,2 milioni di euro), per questo vigileremo affinchè questo imprenditore rispetti come tutti i cittadini quanto previsto dalla legge e le normative vigenti a partire da quella sulla sicurezza - concludono Ucic-Prc - al contempo rivendichiamo con forza ancora una volta l'azione a difesa dell'interesse pubblico che stiamo portando avanti anche con questa denuncia, a fronte di un'assenza sistematica di controlli da parte del Comune".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco delle Torri e Frati Bigi: il Genio Civile esclude problemi strutturali

PisaToday è in caricamento