rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Torna 'Orto in Scuola', il progetto per promuovere tra i più piccoli i valori della terra

Il via alle attività didattiche lunedì 13 marzo. Coinvolte 17 scuole dell'infanzia e primarie del Comune per un totale di oltre mille bambini

Sei istituti comprensivi, 17 plessi scolastici e 46 classi coinvolte, per un totale di circa 1100 bambini. Sono i numeri del progetto 'Orto in Scuola' promosso dall'amministrazione comunale di Pisa per far conoscere l'orticoltura nelle scuole dell'infanzia e primarie della città. "ll progetto - ha affermato il vicesindaco con delega al Verde Pubblico, Paolo Ghezzi - ha una lunga storia, avviata con la firma di un accordo con Carlo Petrini, in Sala Baleari, nel 2007. L'obiettivo è quello di avvicinare i più piccoli ad uno stile di vita corretto e salutare attraverso la coltivazione della terra, il contatto con la natura, lo svolgimento delle attività all'area aperta e l'utilizzo dei prodotti stagionali".

Attività attraverso le quali vengono promossi anche alcuni valori troppo spesso 'dimenticati'. "Ad esempio - spiega Luca Inzaina, responsabile tecnico di Euroambiente, la ditta, partner del progetto, che cura il global service del verde del Comune di Pisa - il prendersi cura di qualcosa per farlo crescere. La terra infatti non regala niente e i bambini, coltivando gli ortaggi a partire dal seme fino a quando saranno pronti, capiranno l’importanza di saper aspettare il tempo giusto e del duro lavoro necessario per raggiungere un obiettivo".

LE ATTIVITA'. A ogni plesso scolastico è stata assegnata una porzione di terreno da coltivare, in base al numero di classi partecipanti. In media ogni plesso ha a disposizione 30 mq, e in totale gli orti raggiungono l’estensione di 600 mq. Per permettere una presenza assidua dei ragazzi gli appezzamenti coltivabili sono stati ricavati nei cortili delle scuole stesse, in aree individuate dal Comune. Le attività didattiche partiranno il 13 marzo e saranno curate da Euroambiente che proporrà due tipi di 'orti'. Il primo è 'L’orto dei colori' nel quale regnano gli ortaggi per l’alimentazione: cipolle, prezzemolo, basilico, patate, spinaci, lattughe, piselli, fragole e carote. Il secondo si chiama 'Orto degli insetti amici' ed ospiterà piante, anche non commestibili, capaci di attirare insetti utili per creare un ecosistema favorevole.

In alcune scuole, oltre agli orti di Euroambiente, si realizzeranno quelli delle due altre associazioni partners di 'Orti a Scuola'. Alla Viviani di Marina di Pisa, il Wwf Toscana si incentra sulla protezione e lo studio di specie vegetali endemiche e rare tipiche del parco di San Rossore. Invece alle primarie Parmini e Zerboglio il Cnr Ise farà conoscere ai bambini le fioriture spontanee caratteristiche dell’area mediterranea, ormai poco comuni a causa dei diserbanti. Alla fine del percorso si svolgerà poi un'iniziativa collettiva in cui i ragazzi mostreranno il frutto del loro lavoro.

LE SCUOLE COINVOLTE. Sono 6 gli istituti comprensivi coinvolti (Fucini, Galilei, Gamerra, N.Pisano, Fibonacci  e Tongiorgi) per 17 plessi scolastici. Nel dettaglio si tratta di 7 scuole dell’infanzia (Capitini, Betti, De Andrè, Haring, Montebianco, Puccini e Rodari) e 10 scuole primarie (Damiano Chiesa, De Sanctis, Filzi, Genovesi, Gereschi, N.Pisano, Oberdan, Parmini, Viviani, Zerboglio).

I PARTNERS. I partners del progetto (Euroambiente, Wwf Toscana Nord e  Cnr) sono stati individuati con un bando pubblico per coinvolgere più associazioni del territorio. "Il Comune intende promuovere l’esperienza degli orti anche per il prossimo anno scolastico - ha affermato Fabio Daole, dirigente Verde Pubblico del Comune di Pisa - e il sostegno delle associazioni è fondamentale, per garantire la continuità del progetto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna 'Orto in Scuola', il progetto per promuovere tra i più piccoli i valori della terra

PisaToday è in caricamento