rotate-mobile
Cronaca Cascina

Il comune di Cascina pagherà le spese scolastiche agli alunni scappati dall'Ucraina

Sono attualmente 7 gli studenti ospitati che frequentano gli istituti comunali e statali del territorio

L’amministrazione comunale cascinese è pronta a sostenere le spese per la frequenza scolastica dei bambini ucraini arrivati sul territorio comunale. Questo è ciò che è stato deliberato nell’ultima riunione di giunta per permettere l’attivazione dei servizi scolastici a favore dei bambini scappati dalla guerra, già presenti e per quelli che potrebbero essere accolti nelle scuole comunali e statali del territorio cascinese. Al momento è possibile coprire la richiesta per 15 alunni. "Con l'atto votato in giunta - sottolinea Claudio Loconsole, assessore all’istruzione - abbiamo voluto semplificare, per quanto possibile, la frequenza scolastica nelle scuole del Comune di Cascina (statali e comunali) per le bimbe e i bimbi ucraini costretti a lasciare il proprio Paese. Un aiuto e un segnale di accoglienza per noi di fondamentale importanza. Per l'incertezza legata ai tempi della guerra in Ucraina, il fondo sarà disponibile fino al 31 dicembre 2022 per i servizi erogati negli anni scolastici 2021/2022 e 2022/2023".

La decisione è stata presa considerando che le famiglie sono fuggite dalla guerra e non sono in grado di poter sostenere il pagamento dei servizi di refezione e trasporto scolastico. Per questo si è reso necessario il contributo indiretto dell’amministrazione comunale, che ha sempre manifestato ampia apertura e capacità di accoglienza per coloro che scappano dalla guerra e dalle persecuzioni. Ad oggi sul territorio cascinese sono arrivati 7 bambini, ospitati da singole famiglie, ma si prevede che nel corso delle prossime settimane il numero possa aumentare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il comune di Cascina pagherà le spese scolastiche agli alunni scappati dall'Ucraina

PisaToday è in caricamento