Palazzo Blu gratis per il personale sanitario

Post-Coronavirus: per i residenti di Pisa e provincia resta l'ingresso libero il sabato e la domenica

Un'immagine della mostra in corso a Palazzo Blu sulla Pisa degli anni '60

Dopo che nel mese di giugno, per concorrere da subito a promuovere la ripresa delle attività turistico/culturali del territorio, l’ingresso a Palazzo Blu è stato consentito a tutti gratuitamente. A partire da mercoledì 1° luglio l’ingresso gratuito verrà mantenuto per il personale sanitario, che negli ultimi mesi è stato impegnato nella lotta al Covid-19, quale forma di riconoscimento per l’opera svolta dai professionisti che con tenacia e coraggio hanno sostenuto negli ospedali e nei luoghi di cura la lotta al Coronavirus. I residenti a Pisa e provincia potranno comunque godere della gratuità nei giorni di sabato e domenica. Anche questa volta si tratta di una iniziativa possibile grazie all’intervento di Fondazione Pisa. Per gli altri visitatori l’ingresso prevede il pagamento di un ticket di 3 euro (ridotto a 2 euro per le categorie in convenzione).

Nelle prime settimane dopo la riapertura al pubblico, molte persone sono entrate a Palazzo Blu ed hanno potuto visitare la dimora storica e la collezione permanente, nel rispetto delle nuove disposizioni stabilite per la sicurezza sanitaria. I visitatori possono trovare la mostra fotografica 'Pisa Anni ’60, il boom e il rock', dall’archivio Luciano Frassi, a cura di Giuseppe Meucci e Stefano Renzoni. Accompagnata dall’esposizione di storici dischi in vinile, dai Beatles al grande raduno di Woodstock. Inoltre nella collezione permanente è esposto il 'Ritratto di Artemisia Gentileschi' ad opera di Simon Vouet, acquisito di recente e fra le opere che saranno alla National Gallery di Londra nella mostra ‘Artemisia’, in programmazione nei prossimi mesi.

Si ricorda che Palazzo Blu è aperto dal martedì alla domenica, con orario 10-19 nei giorni feriali e 10-20 il sabato, la domenica e nei festivi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento