menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Palazzo dei Congressi torna all'Università: "Paura chiusura"

Il Rettore Mancarella parla di "progetti ambiziosi", preoccupato invece il presidente di Confalberghi Confcommercio Pisa Tommasoni

Cambio di gestione per il Palazzo dei Congressi di Pisa. L’Università di Pisa, dopo dieci anni, riprende il controllo completo su quella che è una delle principali strutture congressuali della città. "Dopo anni di concessione ad una società privata - ha dichiarato il Rettore, Paolo Mancarella – l’Ateneo torna a gestire in completa autonomia il suo Palazzo dei Congressi. Abbiamo progetti ambiziosi che credo potranno avere ricadute importanti sia sulla città che su tutto il territorio pisano". "Per questo - ha aggiunto Mancarella - il nostro auspicio è di dar vita ad una stretta collaborazione anche con gli altri enti cittadini così da contribuire, tutti insieme, alla ripartenza della nostra città una volta passata la pandemia".

Inaugurato nel 1984, il Palacongressi pisano gode di una posizione strategica: ad un chilometro dalla stazione ferroviaria e dal centro cittadino. Cuore della struttura è la Sala Plenaria, in grado di ospitare fino a mille persone e modulabile in tre spazi distinti: un auditorium da 500 posti e due breaking room da 250. A questi si aggiungono poi altre 18 salette meeting di varia capienza e spazi multifunzionali. 

Parla di "conseguenze evidenti e gravissime per quel che resta del turismo locale" Roberto Tommasoni, presidente di Confalberghi Confcommercio Pisa: "Dobbiamo impedire la chiusura definitiva dell'unico luogo congressuale della città, perché questa decisione sarebbe la pietra tombale sul turismo del nostro territorio".

E' preoccupato il presidente degli albergatori pisani: "E' inutile ricordare che la presenza di tre università di livello internazionale, un polo ospedaliero all'avanguardia, centri di ricerca avanzatissimi, aziende private ad altissima specializzazione operanti sui mercati globali, consentono alla nostra città di svolgere un ruolo da protagonista nel turismo congressuale. Parliamo di un segmento fondamentale, fatto di professionisti, al 90% proveniente da fuori regione e soprattutto dall'estero, che per le imprese legate al turismo locale rappresenta una fonte vitale di sostegno e di ricchezza. Chiudere l'unico centro congressuale di Pisa vuol dire cancellare non solo ciò che assicura l'occupazione alberghiera anche in bassa stagione, ma riveste anche un peso importantissimo soprattutto per l'immagine di Pisa nel mondo e di fatto coinvolge non solo tutta la filiera di settore (alberghi, agenzie di viaggio, trasporti, catering, servizi tecnici...) ma l'intera destinazione, dai musei ai ristoranti, dai taxi allo shopping nei negozi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Caparezza, due tappe in Toscana nel tour 2022: tutte le date

Cura della persona

Manicure semipermanente fai da te, trucchi e consigli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento