Cronaca Via XX Settembre

Palazzo Mosca, arrivano le cancellate: "Inizia la fortificazione del palazzo del potere"

Anche per Palazzo Gambacorti in arrivo un portone elettrificato. Per accedere in municipio sarà necessario un documento di identità. I Delegati Lavoratori Indipendenti: "Sbagliato blindare un palazzo pubblico"

La cancellata all'ingresso dello scalone di Palazzo Mosca

Ha preso il via nei giorni scorsi l'attivazione del sistema di sicurezza di Palazzo Gambacorti e Palazzo Mosca, così come previsto in una delibera di Giunta dello scorso 19 luglio. Un'operazione del valore complessivo di circa 120 mila euro che porterà a controllare e verificare ogni accesso agli uffici municipali. Insomma il palazzo del governo della città diventa 'off limits'. D’ora in poi chi vorrà entrare dovrà lasciare un documento alla porta e farsi consegnare un pass, dimostrando di avere un appuntamento o un motivo per recarsi negli uffici. Così come i 'normali' cittadini anche i dipendenti per varcare l'ingresso del Comune dovranno strisciare un badge.

La regola varrà anche quando saranno convocati Consigli Comunali o Commissioni. Questo per evitare che possano nuovamente verificarsi episodi di intrusioni e contestazioni. Negli ultimi anni infatti si "sono verificati episodi di grave criticità in materia di sicurezza negli accessi agli uffici comunali, alle sedi di Giunta e Consiglio - si legge nella delibera - che hanno dato luogo a verbalizzazioni e rilievi delle forze dell’ordine e a osservazioni del Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza, nonché ad esposti querela presentato da amministratori minacciati".

Il primo degli interventi decisi dalla Giunta è iniziato nei giorni scorsi con il montaggio di una cancellata all'accesso dello scalone di Palazzo Mosca. Nelle prossime settimane verranno realizzati anche gli altri interventi che prevedono la sostituzione del portone di legno di Palazzo Gambacorti con uno "elettrificato" (controllato e gestito dagli addetti al portierato), la chiusura di tutti gli accessi al piano superiore, l'installazione di una porta d'ingresso controllato con badge per i dipendenti comunali, e l'accesso controllato, sempre con badge, presso l'ascensore di Palazzo Mosca. Più avanti la riorganizzazione si completerà poi con il potenziamento del servizio di portierato e l'installazione di un sistema di videosorveglianza.

cancellate palazzo mosca 2-2

"Inizia - scrivono i Delegati Lavoratori Indipendenti Pisa - la fortificazione del palazzo del potere locale. La blindatura del palazzo comunale è una decisione profondamente sbagliata perché sarebbe stato sufficiente predisporre un servizio di portierato degno di questo nome a fare da filtro per accedere agli uffici. Invece il portierato da anni è diventato il cimitero degli elefanti per il personale comunale con disabilità, non ha una divisa, mancano postazioni adeguate per informare l’utenza, non c’è neppure una cartellonistica o dei depliants che indichino la ubicazione dei vari uffici e gli orari di apertura al pubblico. La blindatura di un palazzo pubblico - concludono - è sempre sbagliata, allontana i cittadini dal luogo dove si prendono decisioni che li riguardano direttamente. Si spenderanno decine di migliaia di euro per blindare il palazzo, soldi che vorremmo fossero spesi in altro modo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Mosca, arrivano le cancellate: "Inizia la fortificazione del palazzo del potere"

PisaToday è in caricamento