Parcheggi riservati al personale di vigilanza alla Prefettura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Da molti anni il personale della Polizia di Stato addetto ai servizi di vigilanza e sicurezza della Prefettura di Pisa subisce notevoli disagi causati dalla difficoltà di recarsi in zona e di parcheggiare autoveicoli in tempo utile per dare il “cambio sul posto”, tenendo conto che quei servizi si svolgono nell’arco delle intere 24 ore e che il personale che ha svolto il turno precedente non può cessare il servizio di sicurezza fino a quando non arriva quello successivo.

Quando abbiamo prospettato questa problematica al Capo-gruppo della Lega in Comune, Alessandro Bargagna, confidando sulla sua conoscenza della complessa materia della “sicurezza” e in una sensibilità nei confronti degli operatori del settore più volte confermata, questi ha tempestivamente organizzato un incontro col Sindaco Conti, che ha immediatamente recepito le istanze del personale della Polizia e in pochi giorni ha risolto l’annoso problema, anche grazie alla collaborazione tecnica della Pisamo e degli altri uffici interessati.

La creazione in Piazza Mazzini di stalli riservati al personale che effettua i servizi continuativi di vigilanza rappresenta la dimostrazione di una sensibilità nei confronti delle esigenze delle Forze dell’ordine chi si occupano, anche con notevoli disagi personali, della sicurezza delle istituzioni e del territorio e di questo non possiamo che ringraziare chi ha saputo e voluto farsi parte attiva nella risoluzione della problematica.

FSP Polizia di Stato
Lorenzo Cardogna

Equilibrio Sicurezza-Lo Scudo
Pietro Taccogna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento