menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parcheggio al Bastione Sangallo: "Formula vecchia e fallimentare"

Legambiente Pisa boccia l'ipotesi a cui starebbe lavorando l'Amministrazione Comunale di realizzare nella zona un'area di sosta: "Sarebbe un autogol"

Legambiente boccia l'ipotesi su cui starebbe lavorando l'Amministrazione Comunale di riaprire alle auto l'area del Bastione Sangallo. Secondo l'associazione ambientalista realizzare in questa zona un parcheggio sarebbe "un autogol".

"L’idea di trasformare in parcheggio il fossato dei bastioni Sangallo di piazza Toniolo - scrive Legambiente Pisa - non è certo nuova e periodicamente qualcuno la ripropone. Si dichiara la buona intenzione di aiutare il commercio grazie a un maggior numero di stalli per il parcheggio. Ma sarebbe un autogol. Mentre la Soprintendenza si oppone difendendo la qualità architettonica della fortezza, un bene di tutta la città, Legambiente Pisa chiede a cittadini e Amministrazione comunale che città vogliono per il loro futuro e con che qualità della vita".

L'associazione ambientalista sottolinea come "sempre più in Italia e in Europa si impone la scelta rivolta alla riduzione drastica del traffico veicolare privato a favore di una mobilità 'gentile', attiva e pubblica, con grande vantaggio ambientale e sociale. Proporre misure che di fatto incentivano l’utilizzo dell’auto privata e portano ad un probabile incremento del numero di auto circolanti in città è un passo indietro rispetto all’obiettivo di una città più bella, meno inquinata, più vivibile e più sicura. Non la città delle auto ma quella delle persone, non vecchie formule fallimentari ma il coraggio del cambiamento, ci permetteranno di raggiungere il duplice obiettivo di rispettare gli obiettivi di contrasto al cambiamento climatico e di avere una città in cui si vive meglio. Le esperienze di altre città ci insegnano che questa via favorisce anche il commercio, oggi in oggettiva difficoltà, ma che ha bisogno di altre soluzioni, lungimiranti e sistemiche".

"La recente e persistente difficile situazione pandemica - conclude Legambiente Pisa - consiglia di perseguire una normalità che non può essere la riproposizione di quanto sinora ci ha portati ad un sistema ambientalmente e socialmente insostenibile. Il cambiamento riguarda anche le nostre città. Proviamo ad immaginare un fossato Sangallo non pieno di auto che coprono la bellezza del luogo, ma uno spazio con bella architettura, verde e persone".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piatti regionali, la ribollita toscana: la ricetta

social

Ricette locali, la trippa alla pisana

Utenze

Bollette luce e gas, quando e come chiedere la rettifica

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento