Parcheggio Certosa di Calci, dall'Idv: "Aggressione a un habitat naturale"

La consigliera regionale dell'Italia dei Valori, Maria Luisa Chincarini, si è scagliata contro il piano strutturale che prevede un parcheggio destinato ad accogliere i visitatori della Certosa

La consigliera regionale Maria Luisa Chincarini si è scagliata contro la decisione di costruire un parcheggio per agevolare i visitatori della Certosa di Calci. " È un'aggressione brutale a un piccolo habitat naturale di eccezionale valore naturalistico - ha affermato la Chincarini - Sono state disboscate ampie aree e tagliate querce e cespugli di sottobosco e il corso dei ruscelli è stato tombato per lunghi tratti con tubi di cemento provocando la riduzione delle sezioni idrauliche con conseguente rischio di occlusioni e inondazioni in caso di piogge abbondanti. Le recenti alluvioni in Italia hanno dato un segnale chiaro relativamente alla tombatura dei corsi d'acqua e l'utilizzo di materiali non adeguati a prevenire e contrastare i dissesti idrogeologici".

Secondo la consigliera dell'Idv, gli interventi di notevole impatto paesaggistico e urbanistico sono stati pubblicamente definiti dall'amministrazione comunale come delle opere provvisorie "Noi siamo preoccupati e perplessi  - ha affermato la consigliera dell'Idv - perché queste non sono opere temporanee, in quanto la modifica inflitta all'ambiente naturale è irreversibile, come i potenziali danni idreogeologici. Verificherò che siano state rispettate tutte le procedure di carattere amministrativo e tecnico previste dai regolamenti". (Fonte Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si dà fuoco dopo la notifica di sfratto: morto 41enne

  • Ikea ritira dal mercato un bicchiere da viaggio: può contenere sostanze tossiche

  • Calendario 'Miss Nonna 2020': tra le protagoniste anche una signora di Bientina

  • Commercio: nuova apertura in piazza delle Vettovaglie

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 18 e 19 gennaio

  • Polizia di Stato in azione: oltre mille persone controllate nel pisano

Torna su
PisaToday è in caricamento