San Rossore: accessibile anche la zona della Sterpaia

Riaperti per bici e pedoni i cancelli della Punta e del Marmo, a sud e a nord della Tenuta. L'Ente è inoltre al lavoro per il contenimento degli ungulati

La zona della Sterpaia torna nuovamente accessibile al pubblico: gli immobili utilizzati per ospitare alcune persone in quarantena sono stati infatti liberati e sanificati dalle autorità competenti. Contemporaneamente da oggi, sabato 23 maggio, vengono riaperti al transito pedonale e ciclabile i cancelli della Punta e del Marmo che si trovano rispettivamente a sud della Tenuta arrivando da via delle Lenze e a nord nel territorio di San Giuliano.

"Ricordiamo - scrive in una nota l'Ente - che la Tenuta di San Rossore è raggiungibile con i mezzi privati dal lunedì al venerdì con accesso dal Ponte alle Trombe. Sabato e domenica attualmente accesso solo a piedi ed in bicicletta per evitare possibili assembramenti come richiesto dal decreto della Presidenza del Consiglio. I visitatori dovranno mantenere le distanze di sicurezza e utilizzare i dispositivi di protezione previsti dalle normative".

Il Centro Visite di San Rossore e il maneggio Equitiamo si stanno organizzando per iniziare a proporre dalle prossime settimane visite guidate, laboratori ambientali ed escursioni a numero chiuso, limitato e su prenotazione: per informazioni 050/530101. Per quanto riguarda la Riserva del Chiarone a Massaciuccoli, il percorso naturalistico rimane chiuso per ordinanza del Comune di Massarosa. L'Ente Parco precisa inoltre che San Rossore Sport Village, struttura privata che si trova sul viale delle Cascine, è fuori dai confini del Parco, non dentro il Parco. "Una puntualizzazione necessaria - prosegue il Parco - per non continuare a ingenerare spiacevoli incomprensioni: negli ultimi giorni abbiamo ricevuto chiamate e richieste di chiarimento di tante persone confuse che pensano di entrare nella Tenuta di San Rossore e trovare piscina e palestra".

Ungulati: verso il ritorno all'equilibrio ecologico

Incrementano ulteriormente le azioni dell'Ente Parco per il contenimento degli ungulati, con l'obiettivo di mantenere un equilibrio che salvaguardi i boschi e la flora e protegga le aree agricole. Le operazioni programmate si basano sullo studio del professor Apollonio che ha analizzato con metodo scientifico la fauna selvatica del Parco e ha definito la corretta densità territoriale delle popolazioni di daino e cinghiale. Nella stagione appena passata, nonostante l'emergenza Covid e il meteo spesso non favorevole, la popolazione di daini e cinghiali in eccesso è diminuita rispettivamente del 50% e dell'80%, un ulteriore passo in avanti verso l'equilibrio faunistico. Sono stati inoltre posizionati e saranno presto attivati agli ingressi di San Rossore 13 dispositivi tecnologici ad ultrasuoni che si azionano su rilevazione di movimento e che servono ad evitare che gli ungulati escano dalla Tenuta, grazie al progetto Pit Pianura Pisana che ha tra gli obiettivi la tutela della  biodiversità degli ecosistemi delicati.

Per aiutare gli agricoltori e proteggere le aree coltivate, l'Ente ha indetto una selezione pubblica di personale volontario che sarà formato e diretto dalla Vigilanza e dai GuardiaParco e che affiancherà il personale del Parco  per la gestione faunistica fino al 31 luglio. Le domande possono essere presentate entro le ore 24 del giorno 31 maggio mediante posta elettronica all’indirizzo protocollo@sanrossore.toscana.it allegando tutta la documentazione richiesta (bando in allegato e sul sito del Parco).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Catture e abbattimenti selettivi già dall'anno scorso hanno invertito il tasso di crescita, dopo che dal 2012 al 2017 le popolazioni di ungulati erano cresciute in maniera eccessiva rispetto alle caratteristiche ecologiche dell'area, con conseguenze negative per la vegetazione e per le aree agricole. Per quanto riguarda i danni alle colture, l'Ente ha riconosciuto legittime le richieste di indennizzo danni presentate per il 2019 da 18 aziende agricole e le ha rimborsate per un totale di 56mila euro, una cifra inferiore rispetto al 2018 "a testimonianza dei primi risultati positivi raggiunti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 143 nuovi casi: 38 positivi in più a Pisa

  • Coronavirus: "Ho fatto il tampone, dopo 72 ore ancora non so il risultato"

  • Caso sospetto di Covid nel personale scolastico: chiuso asilo di Pontedera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento