Fase 2, riaprono i parrucchieri: "Agende piene per due settimane"

Ripartenza spedita per i saloni di bellezza cittadini. Non mancano però gli aspetti critici: "Difficoltà a reperire il materiale monouso con i prezzi che sono andati alle stelle"

Foto dalla pagina Facebook del Sindaco Michele Conti

Meno clienti al giorno e agende piene per le prossime due settimane. Da ieri, 18 maggio, sono tornati al lavoro dopo due mesi di lockdown anche i parrucchieri. Le attività sono ripartite spedite nel rispetto delle norme previste dal governo per un settore ritenuto particolarmente a rischio. "Le cose stanno andando bene - spiega Elisa Carlotti, titolare di Ef Stylist Pisa, via Vittorio Veneto - anche se è piuttosto faticoso lavorare in queste condizioni. Con la mia collega ci siamo organizzati su due turni, ricevendo i clienti solo su appuntamento ed uno alla volta. Dopo ogni taglio sanifichiamo tutto. Lavoriamo con guanti e prodotti monouso, mascherina e visiera. All’ingresso abbiamo messo un sacchetto dove i clienti mettono gli effetti personali e che poi buttiamo via una volta terminato il lavoro".

I clienti non mancano, anche se la media giornaliera si è ridotta sensibilmente. "Se prima facevamo una quarantina di persone al giorno - afferma Elisa Nannipieri, cotitolare di ELI.SA EVOS Parrucchieri Pisa, in via Cristoforo Colombo - ora ne facciamo circa una quindicina. Siamo comunque ottimiste. Abbiamo fatto un grosso investimento per garantire la sicurezza delle nostre clienti, dotandoci di plexiglass, cartellonistica, prodotti monouso e tutto il necessario per lavorare riducendo al minimo il rischio. Ci siamo mosse per tempo e già dalla settimana scorsa abbiamo iniziato a prendere appuntamenti attraverso la nostra applicazione: siamo piene per tutta questa settimana e anche per la prossima".

Ci sono però anche aspetti critici. "Già da ora - sottolinea Sandra Galli del negozio Parrucchiere Daniele Hair, in via San Francesco - ci sono delle difficoltà a reperire il materiale, in particolare kimoni e guanti monouso e anche i prezzi sono andati alle stelle. Se un kimono prima lo pagavo 60 centesimi ora lo pago 3 euro. Le autorità dovrebbero vigilare perché se prosegue così inevitabilmente dovremo valutare l’ipotesi di ritoccare i prezzi. Speriamo sia solo un momento. Per il resto l'attività è ripartita bene, ci siamo adeguati a tutte le normative e anche i clienti stanno tutti rispettando le regole".

Ad avere l'agenda piena di appuntamenti è anche Massimo Baldini, cotitolare della Barberia e sartoria Mascagni in lungarno Pacinotti: "Siamo pieni per questa e la prossima settimana. Rispetto a prima non ci è cambiata la vita perché utilizzavamo già prodotti monouso: l’unica differenza riguarda la sanificazione del locale che comporta dei ‘tempi morti’ tra un cliente e l’altro. Per quanto riguarda il servizio di sartoria è stato momentaneamente sospeso e verrà ripreso nel corso della stagione estiva. Abbiamo comunque degli abiti in esposizione quindi se un cliente li volesse provare gli forniamo i guanti monouso e poi utilizziamo uno spray per sanificare l’abito dopo la prova".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra coloro che hanno deciso di 'darci un taglio' anche il sindaco, Michele Conti. "Finalmente le attività ricominciano a lavorare e la città riparte. Sono andato dal parrucchiere in via Cavour - scrive su Facebook Conti - per inaugurare questa nuova fase. Adesso diventa ancora più importante rispettare le regole, proteggere sè stessi e gli altri. È il momento della fiducia e della responsabilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento