Cronaca

Partita la seconda edizione della Tuscan Big Data Challenge

Anche quest’anno il laboratorio di ricerca SoBigData.it collaborerà con le aziende toscane interessate a migliorare il proprio business attraverso l’analisi dati. C’è tempo fino al 15 dicembre per inviare le proposte di progetto.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Dopo il successo della scorsa edizione, torna la Tuscan Big Data Challenge, l’opportunità gratuita rivolta a tutte le imprese toscane interessate a esplorare le potenzialità dei big data nel proprio business. Per analizzare i big data, definiti il petrolio del nuovo millennio, e sfruttarne così le potenzialità, occorrono tecnologie e metodi specifici, che non sempre le imprese di piccole e medie dimensioni hanno a disposizione. Per questo il laboratorio SoBigData.it, formato da ricercatori di università e centri di ricerca toscani come il CNR di Pisa, l’IMT Alti Studi Lucca, la Scuola Normale Superiore e l’Università di Pisa, offre un supporto per aiutare le aziende toscane ad esplorare i propri dati. L’obiettivo della Tuscan Data Challenge è dare la possibilità a tutte le aziende toscane, comprese anche quelle di piccole e medie dimensioni, che di solito non utilizzano i propri dati, di entrare nel mondo dei Big Data. Tra le aziende che si sono aggiudicate la scorsa edizione figurano sia piccole startup che aziende più strutturate. La startup fiorentina Kinoa, che ha sviluppato una app in grado di segnalare i migliori percorsi per chi si sposta in città con la sedia a rotelle, ha approfittato del supporto tecnico per individuare in modo più preciso i punti della rete stradale e migliorare così la mappatura degli ostacoli. Smartlex, uno spin off della Scuola Superiore Sant’Anna, sta mettendo a punto un sistema automatico in grado di fornire assistenza legale alle vittime delle pratiche commerciali scorrette attraverso la ricerca di sentenze sullo stesso argomento. Durante la collaborazione, i ricercatori di SoBigData hanno aiutato l’azienda creando contatti con istituti e aziende del settore e hanno sviluppato una demo del sistema. Tra i vincitori della scorsa edizione c’è anche un importante gruppo bancario italiano, che nell’ambito della Tuscan Data Challenge ha sviluppato un sistema in grado di consigliare i prossimi investimenti sulla base delle scelte compiute dagli altri clienti. Da questo lavoro è nata anche una pubblicazione presentata a una conferenza scientifica. Ma anche le imprese di settori più tradizionali possono partecipare alla Challenge. Le aziende del comparto produttivo, per esempio, registrano quotidianamente dati attraverso i macchinari. Quando questi sono in funzione, reti di sensori ne monitorano costantemente i consumi, l’usura e la produttività. Un’analisi approfondita di questi dati può aiutare a migliorare l’efficienza della macchina, predirne i guasti e ridurre il numero di pezzi difettosi portati in commercio. Inoltre anche la semplice presenza su internet - attraverso il sito aziendale e i social network - produce tutta una serie di dati che, se opportunamente raccolti e analizzati possono essere utili per prevedere nuovi mercati ed essere più competitivi. Alla challenge possono partecipare tutte le imprese con sede in Toscana.

Per partecipare occorre compilare la scheda che si trova a questo link https://www.sobigdata.it/tuscanchallenge2017 e inviarla a tuscanchallenge2017@sobigdata.it dal 1 novembre al 15 dicembre 2017. Le imprese che coglieranno questa opportunità dovranno descrivere il loro progetto e i dati che intendono analizzare con il supporto di SoBigData.it, eventualmente corredando il tutto con un'idea di soluzione che vorrebbero sviluppare. I ricercatori di SoBigdata.it sono a disposizione sia per discutere eventuali idee da sviluppare insieme, sia per offrire un supporto tecnico durante la stesura delle proposte di progetto (tuscanchallenge2017@sobigdata.it). I ricercatori di SoBigData.it selezioneranno i progetti più interessanti. Le imprese vincitrici potranno lavorare insieme ai ricercatori e utilizzare le metodologie e gli strumenti software del laboratorio stesso in modo totalmente gratuito. La challenge si articola nelle seguenti tappe: ● 1 novembre / 15 dicembre 2017: Invio delle proposte ● 15 dicembre / 15 gennaio 2018: valutazione delle proposte e selezione dei vincitori ● Febbraio 2018: inizio dei lavori in collaborazione con i ricercatori di SoBigData.it ● Aprile 2018: presentazione dei risultati. I risultati ottenuti nell'ambito di questa attività rimarranno di proprietà dell'impresa. SoBigData.it ha come unico scopo la divulgazione della cultura e delle potenzialità dei Big Data al servizio delle imprese. SoBigData.it fa parte di SoBigData Lab, la più grande infrastruttura di ricerca sui Big Data in Europa. SoBigData Lab coinvolge importanti centri di ricerca di 7 Paesi europei e si occupa di analisi dati in diversi ambiti, tra cui quello economico, e di formazione specifica per creare nuove professionalità nell’ambito dei Big Data. SoBigData si offre come piattaforma abilitante per i progetti di Industria 4.0, dove i Big Data giocano un ruolo chiave e le imprese toscane potranno avere un ruolo di primo piano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partita la seconda edizione della Tuscan Big Data Challenge

PisaToday è in caricamento