Palazzetto dello sport: via ai lavori di recupero

L'intervento, del valore complessivo di 320mila euro, consentirà di portare la capienza a 1.273 posti e di riqualificare gli impianti di aerazione e di riscaldamento

Sono partiti i lavori di recupero del Palazzetto dello Sport che consentiranno di aumentare la capienza degli attuali 100 posti e tornare agli originari 1.273 posti. In particolare saranno rifatti l’impianto di aerazione e quello di riscaldamento per una riqualificazione tecnologica ed energetica. La ditta aggiudicataria del bando di gara è la Teknika di Genova per un importo di 320mila euro (iva compresa) dopo il ribasso d’asta. Il termine dei lavori è previsto per metà marzo. A parte alcuni giorni per il montaggio delle apparecchiature nella zona per il pubblico, la struttura rimane aperta a disposizione delle attività sportive. Mentre per il tipo di intervento necessario, almeno all’inizio dei lavori, non sarà utilizzabile il vecchio impianto di riscaldamento. "L’Amministrazione - scrive in una nota il Comune - si scusa per gli eventuali disagi, ma i lavori non erano più rimandabili".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Finalmente - commenta il sindaco Filippeschi - si realizza un investimento atteso, che restituirà potenzialità al Palazzetto, per le funzioni sportive e per altre iniziative importanti. Stiamo progettando anche la riqualificazione complessiva del campo scuola e della pista di atletica. E' l’occasione per pensare a come rilanciare l’area sportiva di Barbaricina, con investimenti pubblici e privati, con le infrastrutture necessarie, a partire dai parcheggi, recuperando le aree in disuso, con una gestione adeguata di uno spazio d’importanza cruciale per la città. Purtroppo i tempi di crisi non hanno aiutato il decollo di un progetto. Ma Pisa deve avere l’ambizione di superare la precarietà attuale e di promuovere un grande progetto di prospettiva. A Barbaricina si dovrà vedere il rinnovamento urbano radicale che si è visto in altre aree della nostra città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo sette i nuovi casi, un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 14 nuovi casi e 6 decessi

  • Coronavirus in Toscana, 18 nuovi casi: un decesso nel pisano

  • Coronavirus in Toscana: 12 nuovi casi e 2 decessi

Torna su
PisaToday è in caricamento