menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pasqua di solidarietà: Coldiretti a sostegno di 100 famiglie pisane in difficoltà 

Distribuiti 50 chili di prodotti Made in Italy per ogni nucleo

Pasqua di solidarietà per tante famiglie pisane che in queste ore stanno ricevendo 50 chili (per nucleo) di prodotti agricoli Made in Italy. Dopo la 'Spesa Sospesa' nei mercati di Campagna Amica e altre azioni di solidarietà attivate in questo anno pandemico, Coldiretti lancia la nuova iniziativa promossa insieme a Filiera Italia e Campagna Amica, con la partecipazione delle più rilevanti realtà economiche e sociali del Paese. Dentro i pacchi, cento quelli che saranno distribuiti ad altrettante famiglie individuate attraverso i servizi sociali dei comuni, ci sono tanti generi alimentari quotidiani. Pasta e riso, Parmigiano Reggiano e Grana Padano, biscotti, sughi, salsa di pomodoro, tonno sott’olio, dolci e colombe pasquali, stinchi, cotechini e prosciutti, carne, latte, panna da cucina, zucchero, olio extra vergine di oliva, legumi e formaggi fra caciotte e pecorino.

"Abbiamo voluto dare un segno tangibile della solidarietà della filiera agroalimentare italiana verso le fasce più deboli della popolazione più colpite dalle difficoltà economiche. Famiglie che non sanno molto spesso come mettere insieme il pranzo con la cena - spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Pisa nonché Presidente Coldiretti Toscana - il nostro obiettivo è trasformare questa iniziativa in un impegno strutturale che aggiunga valore etico alla spesa quotidiana in tutta la Toscana. Chi ha di più deve imparare a dare di più. Le imprese agricole, la filiera agroalimentare italiana, non hanno mai fatto mancare la loro solidarietà, che non significa assistenzialismo, alle comunità dove è presente. Siamo forza del territorio sul territorio".

In queste ore Coldiretti sta già consegnando i pacchi ai nuclei familiari in stato di bisogno individuati da Coldiretti e Campagna Amica insieme ai servizi sociali dei comuni e alle parrocchie. "A sostegno di chi ha più bisogno - spiega ancora il presidente - porta il nostro impegno oltre l’agricoltura. Lo porta verso le comunità che sono le famiglie che in questo momento storico hanno necessità di essere aiutate nel quotidiano. Questa iniziativa vuole essere un segnale di speranza per il Paese e per tutti coloro che in questi mesi hanno pagato più di altri le conseguenze economiche e sociali dell’emergenza Covid. Ma anche evidenziare le grandi eccellenze del Paese che hanno contribuito a fare grande il Made in Italy in Italia e all’estero e rappresentano una risorsa determinante da cui ripartire".

L’iniziativa di Pasqua è stata resa possibile dalla partecipazione di: Conad, Bonifiche Ferraresi, Philip Morris, Eni, Snam, Intesa San Paolo, Generali, De Cecco, Cattolica Assicurazioni Grana Padano, Barilla, Enel, Confapi, Fondazione Tim, Inalca, De Rica, Pomì, Casillo Group, Mutti, Monte dei Paschi di Siena, Granarolo, Coprob, Virgilio, Parmigiano Reggiano, Casa Modena, Ismea, Fondazione Osservatorio Agromafie, Crea.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Indice di massa corporea, cos'è e come si calcola

social

Caparezza, due tappe in Toscana nel tour 2022: tutte le date

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento