menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Neo-mamme e donne in gravidanza: da Pisamo oltre 1400 pass in Ztl

I pass possono essere richiesti sia da donne residenti a Pisa sia da donne che lavorano in città. "Servizio apprezzato" sottolinea l'amministratore unico di Pisamo Andrea Bottone

Sono 1.189 i pass Zsc per residenti più altri 98 permessi per Ztl e 122 per Zsc per non residenti, concessi da Pisamo per giovani o future mamme. E' questo il numero dei pass a favore delle famiglie che la società che gestisce sosta e accessi a Pisa ha erogato da quando è stato attivato il servizio.

Per le mamme che hanno un figlio fino ad un anno o in gravidanza e che sono anche residenti in città Pisamo ha infatti emesso 1.189 pass, validi per il primo anno di età del bambino per la sosta nella Zsc presente in tutto il territorio comunale. Ma le agevolazioni riguardano anche quelle mamme che, pur non essendo residenti, lavorano in zona Zsc o Ztl. Questi sono specifici per la zona dove si lavora: in tutto sono stati 122 i pass per Zsc per non residenti, più altri 98 per quanto riguarda la Ztl.

“I numeri ci dimostrano che il servizio è stato apprezzato e utilizzato dalla città - afferma l'avvocato Andrea Bottone, amministratore unico di Pisamo - e testimonia l'attenzione da parte di Pisamo per le categorie di utenti più fragili e bisognose di attenzione. Per questo il nostro impegno per incrementare questi servizi è sempre massimo”.
Per accedere al servizio (costo simbolico 5 euro), previo appuntamento telefonico, deve essere presentato agli uffici di Pisamo il certificato di gravidanza o  l'autocertificazione relativa all'età dei figli e una copia della carta di circolazione. Il permesso può essere accordato, in alternativa alla madre, al padre, dal momento della nascita del figlio e comunque per un periodo complessivo non superiore ad un anno. In tutti i casi il permesso verrà rilasciato dietro presentazione di autocertificazione del possesso dei requisiti richiesti e dietro pagamento di un costo simbolico di 5 euro a permesso, a copertura delle spese vive sostenute dalla società per il rilascio e la gestione di tali permessi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dove mangiare sushi a Pisa: i migliori locali

social

Ricette locali, la testicciola alla pisana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento