rotate-mobile
Cronaca Putignano

Passerella di Sant'Ermete: 3,2 milioni di euro per i lavori al via a maggio

Un anno di cantiere previsto per l'aggiunta richiesta da tempo al cavalcavia. Il sindaco di Pisa Conti: "Opera che mette in sicurezza i pedoni, ricucendo i quartieri e promuovendo la mobilità dolce"

Il Comune di Pisa ha affidato i lavori per la messa in sicurezza e l’ampliamento del Cavalcavia di Sant’Ermete, con la realizzazione della passerella ciclopedonale. L’avvio dell’intervento è previsto entro il mese di maggio per una durata stimata di circa un anno. L’opera è finanziata con i fondi del Bando Periferie per 2 milioni e 300mila euro, a cui si aggiungono risorse proprie dell’Amministrazione Comunale per 200mila euro e un mutuo con Cassa Depositi e Prestiti per 705.700 euro, per un importo complessivo di 3.205.700 euro.

"Con questo intervento - dichiara il sindaco Michele Conti - realizziamo un’opera fondamentale per i residenti della zona, che ricucirà la spaccatura tra il quartiere di Porta Fiorentina e quello di Sant’Ermete rappresentata dal passaggio della ferrovia. La mobilità di pedoni e ciclisti che si sposteranno da una zona all’altra della città verrà finalmente messa in sicurezza e verrà corredata dalla realizzazione di una pista ciclabile che collegherà i quartieri, percorrendo via Cattaneo, via Emilia e proseguendo a Sant’Ermete. Il progetto nel corso del tempo è stato modificato rispetto alla versione originale data l’esistenza di vincoli ferroviari, strutturali e viari, e che ha comportato diversi passaggi e momenti di confronto con RFI, in cui abbiamo recepito osservazioni e operato le modifiche necessarie. Come primo cittadino è davvero una grande soddisfazione realizzare opere importanti come queste, che rimangono alla città per decenni e contribuiscono a migliorare la qualità della vita quotidiana dei residenti, rendendo i quartieri più vivibili e promuovendo una mobilità sostenibile all’interno della città".

"Questa opera molto attesa - dichiara l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Latrofa - è l’ennesima infrastruttura che, all’interno di una visione complessiva di città che ogni giorno si concretizza, unisce con una mobilità dolce due abitati storicamente divisi dalla ferrovia. Sono inoltre previste come opere aggiuntive la realizzazione di un’area verde completa di alberature ombreggianti, panchine, area giochi per bambini, rastrelliere per parcheggio di biciclette, la sostituzione della recinzione in rete metalliche con ringhiera in acciaio e inserimento di cancelli con apertura manuale, la sostituzione del fondo bitumato previsto per la pista ciclabile con conglomerato drenante ecocompatibile. Dopo anni di promesse disattese e di progetti non realizzati, noi rispondiamo, come sempre, ai bisogni dei cittadini con nuove realizzazioni che trasformano la città".

Ad aggiudicarsi l’intervento, a seguito di procedura di gara, è stato il consorzio stabile Research Scarl di Salerno.

Il progetto

Il progetto di realizzazione del percorso ciclopedonale sopraelevato sulla via Emilia, che mette in collegamento tra la zona di Portata Fiorentina con il quartiere di Sant’Ermete, prevede la costruzione di una passerella con struttura metallica, che correrà con tracciato parallelo al cavalcavia esistente, in prossimità dello stesso sovrappasso stradale. La passerella avrà una lunghezza di 49.50 metri e una larghezza di 3,40 metri, con altezza complessiva massima della travatura pari a circa 11 metri rispetto al piano strada della via Emilia. La passerella sarà raggiunta mediante due scale e due ascensori (uno posto sul lato nord e uno sul sud). Gli ascensori saranno a norma di persone disabili e idonei per il trasporto delle biciclette.

Sul lato nord visto il ridotto spazio disponibile, verrà mantenuta parte della scala esistente. La passerella sarà imboccata dalla vecchia via Emilia, in corrispondenza delle attuali scalette di accesso al cavalcavia. Sul lato sud la passerella sarà invece collegata alla vecchia via Emilia posta sull’altro lato delle ferrovie, mediante un’area verde ricavata all’interno del lotto di proprietà di RFI, che verrà riqualificato. La passerella sarà realizzata a norma per essere utilizzata sia dai pedoni che dai ciclisti contemporaneamente: per questo la larghezza complessiva delle corsie da 2.50 metri è stata incrementata e portata fino a 3 metri. 

La passerella, costituita in profilati tubolari in acciaio, sarà aperta nella parte superiore e chiusa lateralmente mediante pannelli di lamiera con la finalità di proteggere la sede ferroviaria dalla caduta di oggetti. La pavimentazione della passerella sarà in conglomerato drenante, ecocompatibile, incombustibile e antisdrucciolo. I vani ascensore saranno realizzati in cemento armato a faccia vista, con pensilina leggera di protezione agli ingressi. La scala di accesso sud sarà realizzata mediante profilati in acciaio zincati. La scala nord sarà in parte su terra, in parte a soletta rampante, sarà rivestita in lastre di pietra. In corrispondenza dell’accesso nord, sotto la scala, è previsto un vano parzialmente aperto per l’alloggio dei quadri elettrici e ascensore, dotato di un soppalco in acciaio e lamiera per l’accesso alla manutenzione dei tiranti. E’ prevista inoltre una illuminazione del percorso ciclopedonale, sia dell’interno che dall’esterno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passerella di Sant'Ermete: 3,2 milioni di euro per i lavori al via a maggio

PisaToday è in caricamento